Coronavirus, in arrivo 3,5 mln di mascherine dalla Cina

Questa sera atterrerà a Fiumicino il volo cargo Alitalia proveniente da Shanghai, con un carico di oltre 3,5 milioni di mascherine

La Cina continua ad aiutare l'Italia nella lotta contro il nuovo coronavirus. Questa sera, alle 21:45, atterrerà a Fiumicino il volo cargo AZ 9478 proveniente da Shanghai, con un carico di oltre 3,5 milioni di mascherine. Il materiale sanitario sarà smistato nelle prossime ore, a cura della Protezione Civile, verso le aree più colpite dall’emergenza Covid-19.

Gli aiuti della Cina

Si tratta, tra l'altro, del primo di una serie di voli cargo non-stop dalla Cina operato con un Boeing 777-300ER, l’aereo più capiente della flotta Alitalia. A bordo del velivolo sono presenti due equipaggi completi che, su deroga concessa dall’Enac alla normativa sui tempi di impiego, si sono alternati ai comandi non essendo possibile pernottare a Shanghai a causa delle restrizioni in vigore che impongono la quarantena ai viaggiatori in arrivo dall’Italia.

Nel frattempo, ieri, il terzo team di medici cinesi esperti in Covid-19, proveniente dalla regione meridionale cinese del Fujian, è atterrato a Milano con un altro carico di materiali sanitari donati all'Italia, pronti ad assistere i colleghi italiani nella lotta contro l'epidemia in Toscana. Ad accogliere il team di esperti c'erano l'ambasciatore Li Junhua, il console generale a Milano Song Xuefeng, il console generale a Firenze Wang Wengang e il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi. Secondo quanto annunciato in un tweet dall'Ambasciata cinese a Roma, con lo stesso aereo sono ripartiti dopo circa due settimane i medici cinesi del primo team arrivato in Italia nelle scorse settimane. Il team aveva visitato l'Istituto Spallanzani di Roma e altri ospedali del Nord Italia, tra cui Padova e Milano.

Nei giorni scorsi era partito da Shanghai il secondo round di specialisti e materiale sanitario cinese destinato al nostro Paese. Il carico comprendeva 17,3 tonnellate di mascherine, respiratori e altro materiale. Ancora prima Pechino aveva inviato un primo gruppo di supporto medico accompagnato da kit medici e dispositivi di protezione.

Alitalia e i voli speciali per il rientro dei connazionali bloccati all'estero

Per quanto riguarda Alitalia, invece, la compagnia italiana prosegue, in coordinamento con l’Unità di Crisi della Farnesina, l’organizzazione di voli speciali per il rientro di connazionali bloccati all’estero. Un Boeing 777-200ER della Compagnia è in partenza oggi per l’India e rientrerà in Italia domani mattina, 27 marzo, alle ore 7:45 con circa 300 italiani a bordo. Un altro aereo, un Airbus 330, decollerà in giornata per andare a recuperare a Miami 250 crocieristi che arriveranno a Fiumicino nella prima mattina di sabato 28 marzo.

Alitalia ha inoltre esteso fino a domani 27 marzo i voli speciali da Madrid a Roma, per proseguire le operazioni di rimpatrio degli italiani ancora in Spagna, mentre per sabato 28 marzo è stato organizzato un altro volo speciale da Budapest (Ungheria) che, nelle prossime ore, sarà prenotabile sul sito alitalia.com.

Ricordiamo che dal 15 al 25 marzo Alitalia ha trasportato sui propri aerei complessivamente 60.000 passeggeri, dei quali il 90% su voli rientranti in Italia dall’estero. 15.000 sono i passeggeri che in questi 10 giorni sono potuti tornare nel nostro Paese grazie ai 140 collegamenti speciali predisposti dalla Compagnia in collaborazione con l’Unità di Crisi della Farnesina.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.