Coronavirus, calano ancora i contagi: ​683 morti in un solo giorno

Per il quarto giorno diminuiscono i contagi. Aumentano i guariti: in un giorno 1.036, in totale 9.362. I decessi sono 7.503

Per il quarto giorno il numero dei nuovi positivi da coronavirus è in calo. Ad oggi, sono 57.521 i soggetti positivi: 3.491 in sole 24 ore mentre ieri si erano registrati 3.612 nuovi casi. In calo, rispetto a ieri, anche il numero delle vittime. Sono 683 i nuovi deceduti (ieri erano 743) per un totale di 7.503 persone. Sale di 1.036 unità il numero dei guariti (9.362 in totale). Dall'inizio della diffusione del coronavirus in Italia, 74.386 persone hanno contratto il Covid-19 (5.210 persone in più rispetto a ieri, contando anche morti e guariti).

I pazienti ricoverati con sintomi sono 23.112; 3.489 sono in terapia intensiva (+93 rispetto a ieri; l'aumento di ieri sull’altro ieri era stato di +192), mentre 30.920 sono in isolamento domiciliare fiduciario.

Sono questi i dati riferiti da Agostino Miozzo, direttore del Dipartimento della Protezione civile, e Luigi D'Angelo, direttore operativo emergenze. Assente alla conferenza stampa di oggi Angelo Borrelli. Il capo delle Protezione civile ha accusato questa mattina sintomi febbrili mentre era in corso il comitato operativo e ora è in isolamento in attesa del risultato del tampone. "Il dottor Borrelli questa mattina ha avuto sintomi febbrili e una leggera afonia. È rientrato presso il suo domicilio per precauzione e da lì continua a lavorare. Il dipartimento continua nelle sue attività, garantendo la funzionalità di tutte le strutture operative. Siamo vicini a Borrelli e ai colleghi che anch'essi sono a casa", ha spiegato Miozzo.

Riguardo ai numeri di oggi, Miozzo ha dichiarato che "le aspettative erano quelle che stiamo vedendo, siamo in una fase di apparente stabilizzazione. Consideriamo che l'attuale numero di persone contagiate sia coerente con il trend, questo ci fa pensare che è indispensabile - se vogliamo vedere la curva iniziare la decrescita - mantenere le rigorose indicazioni di distanziamento sociale. È un momento delicato, tutti gli statistici sanno che il trend sembra rispondere alle indicazioni che abbiamo dato. Ma se abbassiamo la guardia la curva potrebbe risalire".

"Continuano le attività di supporto dall'estero in questa emergenza, in particolare sono in arrivo un team di tecnici ed esperti sanitari di 140 persone dalla Russia, con materiali e mezzi per la Lombardia. Oggi abbiamo avuto tre trasferimenti di pazienti in terapia intensiva che hanno lasciato la Lombardia attraverso un trasporto in biocontenimento, uno a Genova e due a Lipsia con un mezzo della difesa", ha spiegato D'Angelo che poi ha aggiunto: "Voglio segnalare il grande contributo che sta dando la Germania. Altri pazienti verranno trasferiti nelle prossime giornate sia con mezzi dell nostra aeronautica sia con mezzi che arriveranno dalla Germania".

Lombardia

"Il quadro è costante, abbiamo fatto uno scalino in giù. Siamo scesi e ci siamo attestati su una linea bassa. La voce della trincea ci dice che la pressione sul pronto soccorso si è ridotto. È un dato consolidato che ci deve portare a intensificare i nostri sforzi e abbiamo un motivo in più per restare a casa. Aggrappandoci su questi risultati, assolutamente continuiamo su questa strada". Lo ha dichiarato l'assessore al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera, nel corso dell'aggiornamento quotidiano su Facebook sull'emergenza coronavirus.

"Noi oggi abbiamo 32.346 positivi, con una crescita di 1.643, inferiore rispetto a ieri (1.942). Il dato delle persone ricoverate supera quota 10mila: sono 10.026, 315 in più di ieri, ma c'era un incremento di 445 il giorno prima. Le persone in terapia intensiva sono 1.236, sono cresciute di 42. Siamo arrivati a 4.474 decessi, con un aumento di 296, inferiore a ieri (402) ma sempre troppo grande rispetto ai dati che vorremmo. I guariti, con i 624 di oggi, arrivano a 7281", ha continuato Gallera.

Crescono ancora i contagi da coronavirus a Bergamo, mentre il ritmo rallenta a Brescia. In particolare in due province dove il fenomeno ha colpito con più forza il trend si è divaricato: a Bergamo ci sono 344 nuovi casi, mentre "ieri la crescita era più bassa"; a Brescia sono 299 rispetto ai 393 di ieri e quindi c'è "una diminuzione significativa". "In provincia di Milano ci sono 6.074 positivi, 373 in più rispetto a ieri. L'altro ieri erano 375 e dimostra che il grande sforzo dei milanesi consente di non avere crescite esponenziali ma costanti. A Milano città i contagiati sono 2.438, 141 più di ieri, il giorno prima erano 121 in più ma comunque possiamo dire che è un ottimo segno", ha spiegato Gallera.

Lazio

"Oggi nel Lazio registriamo un dato di 173 casi di positività con un trend intorno al 10%, ma bisogna mantenere molto alta l'attenzione. Sono 15 i decessi. Il dato incoraggiante riguarda l'aumento costante dei guariti che nelle ultime 24 salgono di 28 unità arrivando a 131 totali. Sono usciti dalla sorveglianza domiciliare in 3.150", ha annunciato l'assessore alla Sanità e integrazione sociosanitaria della Regione Lazio, Alessio D'Amato, aggiungendo che "la situazione nelle case di riposo, che ricordo non rientrano nella gestione sanitaria, sta diventando molto seria e bisogna mantenere alto il livello di attenzione".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Mr Blonde

Mer, 25/03/2020 - 18:25

ancora il rapporto tra nuovi contagiati e guariti è pari a 5, quando scende a 1 ci siamo

Ritratto di faman

faman

Mer, 25/03/2020 - 18:29

soddisfatto chi ha fatto stupidi commenti sulla mancata conferenza stampa? che invece come era logico, c'è comunque stata?

STREGHETTA

Mer, 25/03/2020 - 18:30

" Titolo pennellata " - Quel titolo sembra, ahimé, una battuta : calano i contagi, solo 683 morti! Direi che non è da festeggiare dai balconi. Anche se qualcuno ( e spero di sbagliare ) si sfrega le mani e prepara le bordate al veleno. Senza allusione a nessuno, s'intende. Infatti, chi mai potrebbe fare una cosa simile? Chi potrebbe essere così? Viene il rigurgito solo a pensarlo. No, nessuno penserà di farci una colonna di giornale, vogliamo contarci.

Ilsabbatico

Mer, 25/03/2020 - 18:30

....sshhhhhhh, ho già detto....non parlate forte....

GPTalamo

Mer, 25/03/2020 - 18:35

Ok, i decessi da coronavirus sono 7.503. Perlopiu' 70-80 enni. Nel 2019, in Italia ci sono stati circa 160.000 incidenti stradali, 3.000 morti, e 225.000 feriti. Che facciamo, vogliamo chiudere le strade e costringere gli italiani a stare in una stanza per sempre, per proteggere vecchi che morirebbero comunque in poco tempo? Insultatemi pure, ma io penso che la reazione dei vari governi e' stata esagerata. Bisogna accettare la morte, quando e' naturale e quando si e' a 70-80 anni, senza sacrificare una nazione intera a vivere tutti per mesi in una stanza.

RenatoMarelli1975

Mer, 25/03/2020 - 18:36

Veramente i contagi non stanno calando. Siamo in line con ieri e più di due giorni fa se parliamo di nuovi casi. Cala l'aumento dei casi attivi perchè sta guarendo un po' più di gente e purtroppo stanno morendo in tanti. Lo spiegavate proprio voi in un articolo di poco fa.

HARIES

Mer, 25/03/2020 - 18:38

"Coronavirus: il contagio rallenta. La tragedia continua ma le vittime sono 683, sessanta meno di ieri. Mille guariti, la stretta funziona". Il su scritto è il messaggio del 2° giornale Italiano. Il 1° invece titola: "La Protezione civile: 3.491 positivi (ieri 3.612), 683 morti (743) e 1.036 guariti". Trend in calo per il quarto giorno." Conclusione: il 1° sta dando i numeri, il 2° è filo governativo, il 3° è il migliore!!!

Ritratto di Quintus_Sertorius

Quintus_Sertorius

Mer, 25/03/2020 - 18:39

"683 morti in un solo giorno". Il titolo non va d'accordo con l'intenzione di dare buone notizie. Meglio "683 i morti". Molti decenti articoli su questo quotidiano sono rovinati da titoli orrendi. (Vogliamo ricordare l'abuso del termine "choc"?)

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Mer, 25/03/2020 - 18:40

7500 in tempo di pace, ne hanno fatto meno i nazisti in tempo di guerra, anche molto, ma molto meno degli americani con i loro bombardamenti. Ma noi chi abbiamo condannato!!!?? Ora chi condanniamo?

Italianocattolico2

Mer, 25/03/2020 - 18:50

Con 683 deceduti come fate a parlare di diminuzione dei contagi ??? Nessuno ha mai saputo dire quanti siano i contagiati, nessuno può contare quelli che sono a casa e sono ammalati ma non da terapia intensiva. Siamo alla follia pura, e Conte continua a farsi bello con discorsi inutili ma che devono sottolineare che è lui e solo lui che comanda. Non si sa in virtù di quale diritto.....!!!

jaguar

Mer, 25/03/2020 - 19:12

Calano i contagi ma non i decessi, c'è da essere ottimisti? Mi sembra di no, la famosa luce in fondo al tunnel predicata tre giorni fa dov'è?

Ritratto di mbferno

mbferno

Mer, 25/03/2020 - 19:16

Riassumendo: circa 3500 nuovi contagiati,1000 i guariti,circa 700 i decessi. C'è poco da stare allegri,il bilancio è in perdita pesante.

Ritratto di nestore55

nestore55

Mer, 25/03/2020 - 19:16

RenatoMarelli1975 Mer, 25/03/2020 - 18:36...Lei é cosí di suo, o scrive per scrivere? E.A.

Popi46

Mer, 25/03/2020 - 19:28

@do-ut-des: sa com’è, la guerra è guerra,morire prima o poi ci tocca,uno alla volta,giorno per giorno..., ma tanti tutti insieme ogni giorno in tempo di pace.....,beh,fa un po’ senso

Luigi Farinelli

Mer, 25/03/2020 - 19:30

Forse sarebbe utile un grafico aggiornabile giornalmente ricoveri-guarigioni-deceduti per avere un'idea più completa e continua dell'andamento dell'infezione in Italia (e nelle province colpite). Si percepirebbe chiaramente il tasso di crescita (trend) effettivo e l'eventuale tendenza al rallentamento. Più utile di quello sull'andamento della borsa.

Luigi Farinelli

Mer, 25/03/2020 - 19:37

Quintus_Sertorius 18:39: giusta osservazione. Sarebbe più utile un grafico aggiornato giornalmente per dare una chiara visione dell'andamento dell'infezione: magari in uno spazio in testa alle notizie quotidiane e sempre aggiornabile e consultabile.

Ezeckiel

Mer, 25/03/2020 - 19:48

infatti streghetta ,sembra una battuta

antonmessina

Mer, 25/03/2020 - 19:56

se non si fanno piu tamponi i nuovi casi svaniscono

bobots1

Mer, 25/03/2020 - 20:08

Un grazie a Germania, Russia, Cine e Cuba. Non se ne faranno assolutamente niente del mio grazie ma mentre molti commentatori odiano l'uno e/o odiano l'altro (ed ora tacciono) e mentre l'Italia blocca i respiratori (vicenda comunque ancora da chiarire )già comprati dalla Grecia un po' di ottenuta solidarietà fa bene. Speriamo non ne abbiano bisogno ma al caso mi auguro che, se possibile, anche l'Italia farà la sua parte dando aiuto.