Coronavirus, i tulipani di Arese in dono a cimiteri e case di riposo

Il sindaco di Pieve Fissiraga li ha raccolti per portarli al cimitero chiuso del Comune, mentre la croce rossa li ha donati alla casa di riposo di Saronno

"Abbiamo dovuto chiudere il cimitero, ma il pensiero ai nostri cari defunti non si arresta". Per questo, il sindaco del Comune di Pieve Fissiraga, in provincia di Lodi, ha deciso di andare ad Arese, nel campo di Tulipani italiani, per cogliere i fiori da portare sulle tombe del suoi concittadini.

Nel campo creato e gestito da una coppia di olandesi, Edwin Koeman e Nitsuhe Wolanios, i tulipani sono fioriti a migliaia, perché "se l’Italia e il resto del mondo si stanno fermando in lockdown, la natura non ci pensa nemmeno". Il parco è chiuso al pubblico ma, al momento, è possibile ordinare i fiori online, che verranno consegnati a domicilio in alcune zone, e acquistare dei buoni per effettuare visite virtuali. Una parte del ricavato verrà donato all'ospedale di Garbagnate Milanese.

"Ecco che allora abbiamo pensato di recuperarne una parte per disporli sulle tombe del cimitero- spiegano sulla pagina Facebook del Comune- Un’attenzione in più, in vista della Santa Pasqua, per voi pievesi che in questo momento non potete recarvi a visitare i cari estinti. Un piccolo gesto gentile che oggi sostituisce quello che siamo sicuri avreste voluto fare voi". Ma c'è di più. Il primo cittadino, infatti, intendeva acquistare i tulipani. Ma la coppia olandese ha deciso "di regalarceli: non possiamo che ringraziarli e invitare tutti voi a fare visita al loro meraviglioso giardino non appena le limitazioni ce lo consentiranno".

Ma il primo cittadino di Pieve non è stato l'unico a voler portare i fiori in omaggio. Secondo il Giorno, infatti, la croce rossa di Saranno ha raccolto 200 tulipani dal campo di Arese, per portarli nelle stanze degli ospiti della casa di riposo Focris. Infine, i tulipani, arrivati grazie ai volontari della protezione civile alpini, hanno colorato anche la casa per anziani di Caronno Pertusella Bariola.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

manfredog

Ven, 10/04/2020 - 13:13

...chissà come si sentiranno soli i nostri morti senza più visite...o no!? mg.