Coronavirus, un infermiere: "Così ci vestiamo per la terapia intensiva"

Il commovente video di Mirko Lagotto, infermiere del reparto di terapia intensiva dell'ospedale Rivoli, mostra il rituale della vestizione sterile prima di entrare nel reparto di terapia intensiva

Un video che punta dritto al cuore e mostra, senza troppi fronzoli, uno spaccato della vita in corsia ai tempi del coronavirus. Protagonista della sequenza commovente di immagini è Mirko Lagotto, infermiere del reparto di terapia intensiva dell'ospedale Rivoli, in provincia di Torino, uno degli hub Covid del capoluogo piemontese.

L'emergenza sanitaria, raccontata attraverso gli occhi di chi la vive in prima linea, porta con sé una scia inenarrabile di emozioni che il mero dato statistico dei contagi non può rivelare. Dietro quel bollettino che spezza il fiato, si cela il dramma umano di centinaia di infermi, medici e operatori assistenziali chiamati ad una vera e propria missione bellica contro un nemico inafferbile, senza volto. Eroi leggendari, soldati disarmati costretti a gettare "il cuore oltre l'ostacolo" per salvare vite. Perché questo dannato virus detta le regole e costringe a sfidare la sorte, senza mai concedere un attimo di tregua. Si corre, si corre a perdefiato tra quei corridoi illuminati dalla luce al neon alla ricerca di uno spiraglio di luce in fondo ad un tunnel che sembra senza via d'uscita. Se non sono angeli in mascherina, ci vanno molto vicino. E Mirko Lagotto è proprio uno di quelli.

Nel video pubblicato alla data del 31 marzo, l'infermiere mostra il solenne rituale della vestizione sterile prima di entrare nel reparto di terapia intensiva dell'ospedale Rivoli, diventato uno degli hub covid di rifermento per la Regione Piemonte. Nel filmato, Mirko spiega sulle note del brano 'Un senso' di Vasco Rossi, come ci si prepara alla battaglia: dapprima si para il naso con un cerotto, poi passa agli occhiali protettivi ed, infine, indossa la tuta monouso. Azioni che compie quotidianamente e che, ormai, è certo facciano parte della sua frenetica routine.

"Dedicato a tutti i colleghi che stanno per iniziare, a tutti quelli che stanno per finire, a chi si sta bardando tra mille pensieri a chi si sta togliendo quella mascherina maledetta .... - scrive l'infermiere nelle poche righe che introducono il video -...e come dice il Blasco domani arriverà lo stesso anche se questa notte un senso non ce l'ha!". Il post ha ricevuto centinaia di condivisioni nel giro di poche ore suscitando commozione e profonda gratitudine. E un 'grazie' silenzioso può solo accompagnare le note del Blasco.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.