Coronavirus, l'esperto rivela: "Ecco la verità sulle fasce d'età"

L'esperto chiarisce che siamo ancora in tempo per limitare la diffusione del virus: "Bastano pochi gesti responsabili per farlo, senza panico ma con senso civico"

Tutti devono stare in guardia dal coronavirus: nessuno è immune. A sottolinearlo è il direttore dell'Istituto di genetica molecolare del Consiglio nazionale delle richerche (Cnr), Giovanni Maga, che all'Ansa ha rivelato: "Non ci sono fasce d'età 'protette' dall'infezione. I giovanissimi si ammalano meno, ma tutti possono infettarsi e propagare il virus".

Chiunque, quindi, potrebbe essere un veicolo del virus, anche senza rendersene conto. Per questo, spiega Maga, "è importante diradare i contatti, evitare gli assembramenti, seguire le indicazioni". Nonostante l'età media delle persone risultate positive al coronavirus sia di 65 anni, "abbiamo un 22% tra 19-50. Mentre sotto i 19 anni, l'incidenza in effetti è molto bassa, intorno all'1,5 per cento". I giovani, quindi, sembrano essere meno colpiti dal virus rispetto alle persone più anziane, ma potrebbero costituire un veicolo del Covid-19 per i loro cari: per questo, per loro il pensiero deve essere rivolto sia a sé stessi che agli altri.

"Limitare la diffusione del virus ha come primo obiettivo salvare le vite di chi è più a rischio", ha precisato Maga. Solitamente, si tratta dei pazienti più anziani o con patologie pregresse. Infatti, "anche se la maggioranza passa l'infezione senza particolari problemi, dobbiamo abbattere quel 19% che richiede cure intensive per non saturare la capacità di assistenza degli ospedali". Maga spiega che, se i contagi aumentassero, aumenterebbe anche "la pressione sul sistema sanitario" e anche "i contagi tra gli operatori, che come i posti letto non sono infiniti". È questo, sottolinea l'esperto del Cnr, uno dei rischi delle epidemie: "Avere un impatto sugli operatori di servizi essenziali, in primis quelli sanitari".

Ma per evitare che la situazione peggiori, siamo ancora in tempo: "Il numero di contagi - dice - è ancora controllabile, soprattutto nelle regioni dove ancora i casi sono pochi. Siamo ancora a livello 2 di attenzione secondo ECDC (cluster identificabili), dobbiamo evitare di arrivare al livello 3 (fusione dei cluster e quindi impossibilità di contenimento locale)". Infine, dopo aver ricordato che "non tutti si infettano e si guarisce", l'esperto lancia un appello: "È necessario limitare la diffusione. Bastano pochi gesti responsabili per farlo, senza panico ma con senso civico".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Savoiardo

Mar, 10/03/2020 - 15:47

E' stato studiato l'aspetto immunitario della malattia ?

DRAGONI

Mar, 10/03/2020 - 15:51

DOPO LE CLASSI DI FERRO CI SARANNO LE CLASSI RESISTENTI AL VIRUS? NON CREDO PROPRIO. I PRIMI SI ARRUGINIVANO E QUESTI SE CONTINUANO A CREDERE DI ESSERE IMMUNI AVRANNO BRUTTE SOPRESE.

Ritratto di No_sinistri

No_sinistri

Mar, 10/03/2020 - 16:12

Mascherine obbligatorie.

Ritratto di Straiè2015

Straiè2015

Mar, 10/03/2020 - 16:21

@ No_sinistri -- In effetti sarebbe la misura più idonea! Il problema è che di mascherine non c'è neppure l'ombra. Pare che nelle settimane scorse il nostro amato goveno le abbia donate alla Cina!

amicomuffo

Mar, 10/03/2020 - 16:28

No_sinistri le mascherine sono irreperibili e per quelle ordinate online un mese...Ed allora che facciamo? E sto parlando della Sardegna, mica in Lombardia!

Gio56

Mar, 10/03/2020 - 16:37

Straiè2015,le dirò che nelle vicinanze di casa mia c'era,fino a una 10 di anni fà,una ditta che produceva mascherine sanitarie,hanno chiuso perchè la sanità ha preferito acquistarle dalla cina per via del costo minore.

sbrigati

Mar, 10/03/2020 - 17:45

Straie2015. Le mascherine, da noi arrivano, con il conta gocce, ma arrivano. Il problema è che costano, le ffp2, quelle intermedie sono vendute a 16 eu.

Ritratto di etaducsum

etaducsum

Mar, 10/03/2020 - 17:47

Fumo da 50 anni. Prima di fumare trapassato il filtro delle sigarette con un ago: 2 volte in un senso e 2 volte nel senso opposto, in modo da lasciare abbastanza spazio in esso per stringerlo tra le labbra senza turare i fori fatti con l’ago. Così . L’aria fredda che entra da essi fa condensare catrame ed altri elementi della combustione del tabacco. Non elimina la nicotina, responsabile del tabagismo. La notte scorsa mi è successo ciò che da sempre mi capita quando sono influenzato. SEDUTO IN POLTRONA GUAEDAVO LA TV. COMINCIAI A TOSSIRE IN CONTINUAZIONE ED IL POLSO DIVENNE ACCELERATO. ACCESI UNA SIGARETA E LA FUMAI LENTAMENTE, COME AL SOLITO. CESSÓ LA TOSSE E MI ADDORMENTAI SULLA POLTRONA FINO A QUESTA MATTINA. NON FECI IN TEMPO NEMMENO CONTROLLARE IL POSLO. ORA STO BENE. RIPORTO UNA DOMANDA CHE MI PONGO SPESSO: «È POSSIBILE CHE LA NICOTINA SIA PER I VIRUS CIÓ CHE LA PENICILLINA È STATA PER I BATTERI?»

ziobeppe1951

Mar, 10/03/2020 - 18:24

etaducsum...17.47....interessante

Assix

Mar, 10/03/2020 - 19:49

Finora ci hanno detto solo che i morti sono in prevalenza anziani e maschi, cosa di un’ovvietà assoluta che capirebbe chiunque abbia un minimo di cultura anche senza analizzare i dati. Sarei invece veramente curioso di sapere quanti sono i fumatori tra i decessi: se nella popolazione generale sono circa il 25-30% e tra i deceduti sono come sospetto almeno il 90 o più per cento, soprattutto se quell’altro 10% fosse fatto come dicevo da obesi, drogati, ecc. , si potrebbe concludere che è un problema dei fumatori e poche altre categorie e quindi non si distrugge l'economia di un paese per questi. In pratica è possibile che tra i decessi non ci sia nemmeno una “persona normale”.

Ritratto di etaducsum

etaducsum

Mer, 11/03/2020 - 10:25

Assix (Mar, 10/03/2020 - 19:49) – Mi scusi: Cosa intende, lei, per «persona normale»? Le statue di marmo?

Assix

Mer, 11/03/2020 - 11:10

Sig. “Etaducsum”, prendiamo il caso dei fumatori, questi si dividono in 2 categorie: a) quelli che credono che il fumo faccia bene: le sembra normale questo? b) quelli che sanno che fa male ma non riescono a smettere semplicemente perché sono affetti da dipendenza e la dipendenza è una malattia molto subdola che mina la volontà delle persone. Lo stesso discorso vale per la droga, la bulimia , ecc. Sig. “Etaducsum” si curi!...

Ritratto di etaducsum

etaducsum

Mer, 11/03/2020 - 13:37

@Assix (Mer, 11/03/2020 - 11:10) – La ringrazio di avermi fatto un consulto medico, che non le ho richiesto, e non mi ha mandato nemmeno la parcella. Io le pongo solo una domanda: È sicuro di non ritenersi il prototipo della «persona normale»? Sa, c’è gente, ancor oggi, che si ritene Napoleone...