Il mistero dell'infiammazione: perché si attiva in modo eccessivo?

L'infiammazione è il segno che il sistema immunitario dei pazienti infetti sta combattendo contro il coronavirus. In alcuni casi questa può provocare gravi conseguenze

Il mistero dell'infiammazione: perché si attiva in modo eccessivo?

In Italia i soggetti contagiati dal nuovo coronavirus superano le 50mila unità ma ognuno di loro è stato colpito in modo diverso e ha quindi una propria storia clinica.

Il panorama è molto vario: non tutti sono finiti in terapia intensiva, una minima parte di loro è deceduta e molti hanno avuto a che fare con sintomi più o meni lievi ma comunque guaribili. È difficile spiegare con esattezza il motivo per cui qualcuno se la cavi con quella che assomiglia molto a una forte influenza e altri devono lottare per settimane tra la vita e la morte.

Di certo, scrive Repubblica, l’infiammazione è il segno che il sistema immunitario dei pazienti infetti sta combattendo contro il coronavirus. Dopo 4-5 giorni dal contagio, mediamente, si formano i primi anticorpi quindi iniziano i primi sintomi. Quando si presenta la febbre significa che la battaglia contro il Covid-19 è entrata nel vivo.

Il processo appena descritto è molto utile ma, per ragioni ancora incomprensibili e da chiarire, talvolta accade che il nuovo coronavirus si attivi in modo molto eccessivo. Quando l’agente esterno attraversa le vie aeree superiori dalle quali era entrato e finisce all’interno dei polmoni, può succedere davvero di tutto. In altre parole, nel polmone, lo scontro troppo intenso tra i germi e il sistema immunitario dell’organismo del paziente infetto crea un essaudato che si riserva negli alveoli.

Cosa succede all’interno dei polmoni

Quando si verifica una situazione del genere, il polmone non riesce a entrare in contatto con l’ossigeno per colpa del liquido che si forma. A questo punto, lo stesso ossigeno non riesce a passare nei vasi sanguigni e il soggetto contagiato ha la sensazione di soffocare.

Oltre a intubare i casi più gravi, i medici provvedono ad arginare la violenza della battaglia interna all’organismo del malato e a ridurre la quantità di essaudato. In che modo? Si stanno provando vari farmaci della categoria degli antinfiammatori. Il più sperimentato, ma non certo il solo, è quello solitamente utilizzato contro l’artrite reumatoide.

In ogni caso la sensazione è che arginare, o comunque limitare, l’infiammazione mentre il sistema immunitario dell’infetto sta combattendo contro il nuovo coronavirus possa essere controproducente. Per saperne di più dovremmo attendere in trial clinici in partenza in Italia.

Commenti

Commenta anche tu
Grazie per il tuo commento