Coronavirus, quando indossare la mascherina

In commercio si trovano diversi modelli di mascherina: ecco quali, quando e come usarli per proteggersi dal coronavirus

Coronavirus, quando indossare la mascherina

Prevenzione. È questo il mantra che riecheggia quotidiano nelle nostre vite, sconvolte dalla pandemia da coronavirus. Il primo strumento che salta alla mente quando si parla di prevenzione dal Covid-19 è la mascherina. Ma attenzione: il dispositivo di difesa è disponibile sul mercato in diverse varianti. Per esempio, in commercio è possibile trovare quella chirurgica, quelle Ffpp2 e Fpp3 e quelle anti-inquinamento. E c’è una bella differenza tra di loro. Andiamo a vedere le loro caratteristiche.

Mascherina, i modelli

Iniziamo la nostra analisi prendendo in considerazione la mascherina chirurgica, che, di fatto, serve per proteggere gli altri e non se stessi. Le mascherine da sala operatoria, infatti, trattengono le particelle di salive e sudore, ma non isolano il portatore di coronavirus dagli agenti esterni. Questo significa che la mascherina chirurgica – facilmente reperibile in farmacia – è un must per chi è positivo al Covid-19. Inoltre, dopo un paio d’ore diventano inutilizzabili.

Quindi, i dispositivi Ffp2 e Ffp3, che hanno la capacità di difendere dagli agenti sia chi le indossa, che i soggetti che hanno contatti con un portatore. Queste mascherine sono in grado di filtrare l’aria espirata e inspirata: le prime per il 92%, le secondo per il 98%. Hanno una durata maggiore di quelle chirurgiche, stimata dalle 6 alle 8 ore.

Infine, le mascherine anti-smog, che si avvicinano molto per efficacia a quelle Ffp2 e Ffp3, riuscendo a filtrare sia l’aria inspirata che quelle espirata (visto che nascono per difendere le vie respiratorie dalla polveri sottili quali il Pm2.5 e il Pm10).

Quando (e come) usare la mascherina

Bene, spieghiamo ora quando è bene indossare la mascherina. Oltre a fare estremamente attenzione all'igiene personale, lavandosi spesso e bene le mani con il sapone e/o con il gel disinfettante, è cosa buona e giusta indossare la mascherina se si esce di casa per motivi di lavoro, salute o necessità, entrando in contatto con altre persone, che siano o meno positive al coronavirus. Ciò detto, non è obbligatoria averla se non si hanno sintomi.

Come utilizzarla? Anche a tal proposito, il governo ha fornito uno specchietto molto utile. Innanzitutto, prima di indossare la mascherina è consigliato lavarsi le mani con acqua e sapone o con una soluzione alcolica. Dunque, la mascherina deve andare a coprire sia la bocca sia il naso, aderendo bene al viso. Quindi, evitare di toccare la mascherina mentre la sia indossa; qualora la i toccasse inavvertitamente, è consigliato lavarsi le mani appena è possibile. Quando il dispositivo diventa umido al suo interno è sentore che deve essere sostituito, visto che si tratta di strumento monouso. Per toglierla, infine, si deve prenderla dall’elastico facendo bene attenzione a non toccarla. Infine, buttarla nella spazzatura e, in ultima battuta, lavarsi le mani.

Commenti

Commenta anche tu
Grazie per il tuo commento