"Ho sottovalutato tutti i rischi. Ora positivo, provo vergogna"

Da più di dieci giorni l’uomo si trova in quarantena a casa con la propria famiglia. Invita tutti a non abbattersi e a rispettare le norme

Dice di essere stato poco attento e di aver sottovalutato i rischi. Per questo prova vergogna. È quanto raccontato da un valdostano risultato positivo al coronavirus. Da più di dieci giorni l’uomo si trova in quarantena a casa con la propria famiglia. Lancia un messaggio rivolto a tutti, che invita a non abbattersi e a rispettare le norme. “Adesso sono ferree - precisa -. Se fosse stato così già prima io e la mia famiglia non ci troveremmo malati e in isolamento”.

Il cittadino spiega che all’inizio non era a conoscenza della sua positivitàma l’isolamento è scattato come preventivo, in attesa dell’esito del tampone di verifica”. Se lo ricorda bene quello che gli è successo quando l’operatore sanitario è venuto a casa e lo ha informato che avrebbe saputo entro poco tempo l’esito e di stare tranquillo. Ma l’uomo non era calmo perché sapeva di essere stato nelle zone maggiormente colpite dal Covid-19 in Lombardia, come ha detto al 112, in particolare a casa di una famiglia risultata poi contagiata.

Oltre alla preoccupazione, il valdostano ha provato e prova ancora oggi “vergogna. Perché io quando mi sono spostato per pochi giorni fuori Valle già c’erano i casi di coronavirus in quella zona. Lo sapevo - sottolinea -. Ho sottovalutato, forse come tanti, il rischio per me stesso, per la mia famiglia e per la comunità”. È dispiaciuto della difficile situazione e ringrazia gli operatori sanitari e i volontari del pronto soccorso per il prezioso lavoro.

In un’intervista a La Stampa, l’uomo racconta poi l’ansia di essere visto come contagiato ma in realtà riconosce la solidarietà ricevuta dai suoi compaesani. Come detto anche la sua famiglia è in quarantena. Devono stare chiusi in casa e questa condizione è vissuta male dal valdostano, che però è contento di viverla con le persone più importanti. “Quando te lo dicono i medici che sarai isolato e sai che è per il bene tuo e di tutti ti sembra fattibile - prosegue -, ma una volta dentro è molto meno facile. Le mura diventano un limite. Io mi sento anche escluso, in colpa, un po’ un untore. Non una vittima".

Infine, l’uomo racconta che si sta dedicando a un hobby domestico, anche per allontanare strani pensieri come quello di peggiorare le sue condizioni oppure che gli potrebbero venire altri sintomi.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

jaguar

Ven, 13/03/2020 - 13:14

Non si deve vergognare di nulla, piuttosto sono altri personaggi che si dovrebbero vergognare.

Giorgio5819

Ven, 13/03/2020 - 13:23

Chi ammette i propri errori non ha nulla di che vergognarsi.

Una-mattina-mi-...

Ven, 13/03/2020 - 14:20

Se si dedica agli hobby, fortuna sua, non stà così male...

venco

Ven, 13/03/2020 - 14:32

Andavano imposte da subito le mascherine, non tanto per proteggersi ma per non infettare, e basterebbe una stoffa con cordoni fatta in casa.

ulio1974

Ven, 13/03/2020 - 15:19

capisco il disagio per essere un possibile "untore", ma tutto questo malessere per due settimane in casa con i propri cari, mi sembra eccessivo...sono due settimane, non due anni. (esperienza personale ma negativ al test)

perriv49

Ven, 13/03/2020 - 16:00

Non deve assolutamente vergogniarsi,ma deve fare un grosso mea culpa. Pensiamo ai guai che possiamo procurare agli altri.

buonaparte

Ven, 13/03/2020 - 19:32

BRAVO VENCO..