Coronavirus, registrato il primo vaccino cinese

Il vaccino si chiama Ad5-nCoV ed è stato sviluppato dal gruppo di Tianjin CanSino Biologics assieme all'Istituto di Biotecnologia dell'Accademia di Scienze Mediche Militari cinese

Coronavirus, registrato il primo vaccino cinese

Buone notizie dal continente asiatico. Dopo quello russo, anche la Cina registra il primo vaccino di contrasto al Coronavirus. Il brevetto è stato concesso dall'Amministrazione nazionale per la proprietà intellettuale, rende noto l'agenzia ufficiale Xinhua citando il Quotidiano del Popolo. A farne richiesta erano state, qualche settimana fa, l'Accademia per le scienze militari, guidato da Chen Wei, e CanSino Biologics che hanno sviluppato il prodotto neutralizzante il patogeno Sars-CoV2.

In cosa consiste il vaccino cinese

Il vaccino, denominato Ad5-nCoV, è stato formulato con la tecnica dell'adenovirus vettore di una versione ricombinata del coronavirus. Sono state completate le fasi 1 e 2 della sperimentazione, che è iniziata lo scorso marzo. Da allora, il ''nuovo antidoto'' ha dimostrato di indurre una risposta immunitaria e di non avere effetti tossici. "Può essere prodotto velocemente su larga scala", assicurano fonti a vario titolo.

Le sperimentazioni

I primi risultati clinici sono stati pubblicati sul Journal of the American Medical Association. Stando a quanto riferisce l'agenzia ufficiale Xinhua il vaccino è “sicuro e genera una risposta immunitaria”. Le ricerche hanno coinvolto 320 “volontari sani” tra i 18 e i 59 anni di età, 96 dei quali hanno partecipato alla Fase 1 e 224 alla Fase 2. Secondo “Xinhua”, i risultati indicano che il vaccino ha effettivamente indotto nei volontari anticorpi neutralizzanti e ha dimostrato una “buona capacità di procurare una risposta immunitaria”. Gli studi sono stati condotti dall’Istituto di prodotti biologici di Wuhan e dall’Istituto di virologia di Wuhan sotto l’egida del Gruppo nazionale di biotecnologia della Cina (Cnbg), affiliato a Sinopharm, e dell’Accademia di scienze della Cina.

Il brevetto

L'approvazione del brevetto, ottenuta lo scorso 11 agosto scorso, "è un'ulteriore conferma dell'efficacia e della sicurezza" del candidato vaccino, ha commentato il gruppo di Tianjin in una nota citata dal tabloid Global Times e ripresa da quotidiano La Stampa. La notizia ha fatto volare il titolo in Borsa: in mattinata CanSino ha guadagnato il 14% a Hong Kong, mentre a Shanghai, al termine della seduta mattutina, segnava un rialzo del 6,6%.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti