Il sindaco di Ercolano: "Spesa in ordine alfabetico. Timori per risveglio criminalità"

Il primo cittadino di Ercolano, Ciro Buonajuto, ha ammesso di aver adottato la misura estrema per evitare una crisi sanitaria che avrebbe effetti devastanti

In Italia esiste un Comune dove, a causa dell’emergenza coronavirus, i cittadini possono recarsi nei negozi per fare la spesa solo in ordine alfabetico. Si tratta di Ercolano, in provincia di Napoli. Qui il primo cittadino Ciro Buonajuto, da poco passato dal Pd a Italia Viva di Matteo Renzi , ha adottato questo particolare criterio con lo scopo di evitare una emergenza sanitaria come quella che sta vivendo la Lombardia che potrebbe avere conseguenze devastanti per un territorio già segnato da numerosi problemi come la mancanza di lavoro e la criminalità.

La regola è piuttosto semplice. Il lunedì, ad esempio, possono fare acuisti quelli il cui cognome comincia con A-B, il martedì quelli con la C e via così. È stato lo stesso sindaco, intervistato da La Repubblica, a spiegare il perché ha emesso questo drastico provvedimento. "Ercolano è una realtà complicata: abbiamo una disoccupazione giovanile del 70%, chi lavora è in moltissimi casi precario, nel centro storico in un chilometro quadrato abitano 15 mila persone... Lo so che la spesa in ordine alfabetico non è una misura popolare, ma salva le nostre vite", ha affermato Buonajuto. Questo metodo, secondo quanto afferma il sindaco, pare che stia funzionando.

Al primo cittadino l’idea era venuta dopo che aveva assistito alle lunghe file ai supermercati. Forse qualcuno si approfittava dell’uscita permessa dalle norme presenti nel Dpcm per comprare generi alimentari e così, per allontanarsi qualche minuto dalla propria abitazione, si recava più volte anche nella stessa giornata nei punti vendita.

Ma la folla poteva creare il terreno fertile per la diffusione del coronavirus. Sarebbe un vero e proprio disastro per la città. "Noi non possiamo farci venire addosso una emergenza sanitaria come quella lombarda. Non saremmo in grado di fronteggiarla", ha ammesso Buonajuto che ha giocato in anticipo e ha emesso questa misura per protegge le vite di tutti. Ad Ercolano fino ad ora sembra che la situazione sanitaria sia sotto controllo anche perché le autorità locali hanno tenuto altissima la guardia. "Nella limitrofa Torre del Greco- ha aggiunto il sindaco- i contagi sono aumentati. Da noi le forze dell'ordine nel complesso fanno anche mille controlli al giorno".

Buonajuto, in realtà, non teme solo il coronavirus. A preoccuparlo c’è anche la possibilità che l’emergenza sanitaria provochi tensioni sociali con conseguenti violenze, se non proprio rivolte, della popolazione. "Qui c'è una disoccupazione giovanile del 70%, molto lavoro sommerso e precario, parliamo di persone che non hanno alcuna tutela. Ercolano ha 55 mila abitanti, di questi 15 mila abitano nel centro storico ovvero in un chilometro quadrato, dove c'è povertà, disagio ma anche dignità. Occorre prendere misure forti".

Per questo il sindaco spera che al massimo tra 15-20 giorni l'emergenza cali per evitare azioni criminali che potrebbero avere effetti altrettanto devastanti per il futuro di una città che nel corso del tempo ha dovuto fare fronte alla piaga della camorra. "Noi ci stiamo riscattando con fatica. Ha presente il "modello Ercolano" ? Abbiamo sconfitto la camorra grazie al coraggio dei commercianti che hanno denunciato, consentendo 500 arresti e 44 ergastoli", ha aggiunto con orgoglio Buonajuto che ha anche sottolineato lo sforzo che si sta facendo nel settore del turismo così da rilanciare l’economia: "Negli ultimi quattro anni da 300 posti letto Ercolano è passata a 3 mila posti letto. È una economia che scopre il turismo, molti bed and breakfast, le cose si sono rimesse in movimento".

Ma la rinascita potrebbe fermarsi. La crisi sanitaria e quella economica che ne potrebbe derivare potrebbero essere gli elementi che farebbero riemergere usura, lo spaccio di droga e la criminalità. Del resto lo stesso Buonajuto è stato più volte minacciato, l'ultima volta due mesi fa quando al primo cittadino era stata recapitata una lettera anonima e poi una pistola trovata accanto al municipio. Il sindaco di Ercolano concluse affermando di approvare quanto sta facendo il governatore della Campania Vincenzo De Luca che ha alzato i toni con il governo per avere sostegno anche di tipo medico, lanciando l'allarme-Campania. "Ha fatto molto bene. Per fare capire il reale pericolo bisogna talvolta alzare la voce. Il nostro sistema sanitario ha bisogno di aiuti, altrimenti non reggiamo".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di dr.Strange

dr.Strange

Sab, 28/03/2020 - 12:51

per Zorro è un bel problema e anche per il mago Zurlì

DRAGONI

Sab, 28/03/2020 - 13:05

SI INVETERANNO I PROFESSIONISTI CHE CON INZIALI DIVERSI DEL COGNOME, TRAMITE CARTE DI IDENTITA' FALSE ADATTE ALL'UOPO, FARANNO LA SPESA PER ALTRI DIETRO MODICA RICOMPENSA! C'E' DA SCOMMETTERCI.

Antenna54

Sab, 28/03/2020 - 14:13

Ma non basta l'aggieggio con i numerini per la coda? Se sono arrivati alla lettera G ed arriva un lettera A, che fanno, lo mandano avanti rispetto gli altri? Valli a capire ...

obiettore

Sab, 28/03/2020 - 14:38

Al Sud non c'è alcun problema. Sono immunizzati per tutto e sono più specializzati del Nord.

Ritratto di antonio4747

antonio4747

Sab, 28/03/2020 - 15:06

Bravo sindaco, iniziativa intelligente e a costo zero. Spero l'adottino anche il altre città.

Ritratto di tomari

tomari

Sab, 28/03/2020 - 16:53

@antonio4747- iniziativa cretina! Leggiti il posto di Antenna54!

antoniopochesci

Sab, 28/03/2020 - 17:02

Esattamente una settimana fa, su questo forum, proposi un'idea simile. Un'idea semplice come spesso sono quelle intelligenti. Vero: ci sono i cosiddetti furbetti all'italiana ma con la dovuta e vigile attenzione all'ingresso possono e devono essere smascherati. D'altra parte l'attendere in fila per ore ed ore ci impone di trovare qualche soluzione senza stroncarla e fare della facile ironia sul nascere senza averla provata.

cgf

Sab, 28/03/2020 - 17:31

ennesima cavolata italiana, in altri Paesi anziché ridurre gli orari, ovviamente si crea maggiore calca/assembramento, i supermercati aprono alle sette anziché alle otto e nella prima ora solo le persone di 70+ anni le quali possono trovare/scegliere quello che gli serve senza [ho visto] incivili che non solo non tengono la distanza, non esita a darti una spinta per ACCAPPARARSI quanto stai scegliendo tu