Cravatte "made in carcere": un laboratorio di "Marinella" per le detenute di Pozzuoli

Firmato oggi il protocollo di intesa che permetterà la nascita di un laboratorio sartoriale nel carcere femminile di Pozzuoli

Cravatte "made in carcere": un laboratorio di "Marinella" per le detenute di Pozzuoli

Le sue cravatte sono famose in tutto il mondo. "Marinella" metterà a disposizione il suo know-how per dar vita a un laboratorio sartoriale nella casa circondariale femminile di Pozzuoli, in provincia di Napoli. Un progetto per il quale è stato firmato oggi il protocollo d'intesa dal Capo del Dipartimento dell'Amministrazione penitenziaria Santi Consolo, dall'amministratore unico della E. Marinella srl, Maurizio Marinella, e dall'amministratore unico della Maumari srl, Dario dal Ver.

Le donne carcerate, per le quali saranno avviati percorsi professionalizzanti, confezioneranno cravatte che saranno date in dotazione alla Polizia penitenziaria. Un quantitativo predefinito sarà usato anche come cadeax istituzionale. L'azienda di Marinella offrirà personale specializzato per la realizzazione e la supervisione del design del prodotto che sarà realizzato.
L'obiettivo: formare le detenute nel settere tessile per permetterne, una volta fuori dall'istituto penitenziario, un reinserimento nella società, ma anche realizzare sensibili economie di spesa.

"Il lavoro penitenziario - ha dichiarato Consolo - va implementato con progetti di qualità e con il sostegno del mondo imprenditoriale esterno. Questa è la strada da seguire, se vogliamo realmente abbattere la recidiva. Il fine pena deve essere il momento in cui la persona riprende in mano la propria vita e sceglie di vivere nella legalità. Il lavoro e la formazione sono strumenti formidabili per il riscatto sociale del singolo e per la sicurezza dell'intera collettività".

"Era nostro desiderio contribuire concretamente alla sfida della formazione del tessuto sociale disagiato di Napoli, sfida che spero si estenda all'Italia. E' un onore, come terza generazione dell'azienda E.Marinella che porta il mio nome, poter dare una possibilità a chi è stato meno fortunato di altri", ha dichiarato Maurizio Marinella.

Commenti
Disclaimer
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
ilGiornale.it Logo Ricarica