De Magistris porta i migranti allo stadio

Esulta il sindaco: "Il Napoli ha pareggiato ma sugli spalti è stata la vittoria dell'amore e dell'accoglienza". Poi si improvvisa cronista: "Milik mi ha detto che ama la città"

De Magistris porta i migranti allo stadio

Non è stato un sabato qualunque, per Luigi De Magistris. Il “sindaco di strada” ha imboccato quella che porta direttamente allo stadio San Paolo insieme a un piccolo gruppo di migranti ospitati nelle strutture di accoglienza napoletane. E s’è improvvisato pure cronista sportivo rivelando a Napoli che il centravanti Arek Milik la ama.

Sui suoi profili social, De Magistris ha pubblicato la “sua” partita a due facce. Quella dell’accoglienza e quella dell’amore alla “maglia” del Napoli. Sul profilo istituzionale, derogando alla proverbiale verbosità che accompagna i suoi post, il sindaco ha pubblicato undici foto accompagnate da una stringata didascalia: “E' mancata solo la vittoria sul campo ma sugli spalti con i ragazzi migranti che ospitiamo a Marechiaro è stata la vittoria dell'accoglienza, dell'amore e della gioia. ​Un esempio di integrazione e di solidarietà. Forza e grazie Napoli”.

Il post “pallonaro” ha diviso gli internauti e neii commenti, insieme a chi ne sostiene l’iniziativa e lo invita ad andare avanti spuntano decine di critiche a De Magistris. Un fronte della critica compatto tra chi lo invita a regalare i biglietti ai ragazzini delle periferie urbane e chi lo strattona a “uscire” dal salotto buono della città per risolvere le annose problematiche dei quartieri ombra, dei sobborghi napoletani tenendo così fede alla sua stessa scelta di farsi identificare come “sindaco di strada”.

Alla partita, però, De Magistris è stato vicino anche allo sfortunato attaccante polacco Arek Milik, costretto a osservare dalla tribuna il gol di Hamsik e la papera del portiere Pepe Reina che ha dato il pareggio alla Lazio. Sul profilo “fan”, il sindaco – pubblicando tre foto con il calciatore – si improvvisa cronista sportivo: “Ieri sugli spalti insieme a Milik. É impressionate come sia riuscito, in così poco tempo, ad entrare nel cuore dei napoletani. Un amore che mi ha confessato essere corrisposto. Sta recuperando velocemente e non vede l'ora di tornare in campo”.

Sullo sfondo di quest’ultima foto, l’ombra “inquietante” di Aurelio de Laurentiis. L’arcinemico che s’è già schierato addirittura per il Sì al Referendum di Renzi.

Commenti