Decorazioni ecologiche: come addobbare casa per il Natale

Dall'albero di Natale alle decorazioni per la casa: ecco alcuni pratici consigli su come addobbare casa per le festività evitando gli sprechi e riducendo l'impatto ambientale

Decorazioni ecologiche: come addobbare casa per il Natale

Il Natale è alle porte e, come da tradizione, ci si prepara ad addobbare casa con luci, ghirlande e suppellettili a tema. Dalle decorazioni tradizionali a quelle più creative: non c'è occasione migliore per sbizzarrirsi con l'home decor. Occhio però a scegliere ornamenti a ridotto impatto ambientale. Del resto perché riversare sulla "solita" paccottiglia inquinante quando sono disponibili alternative ben più ecosostenibili?

L'albero di Natale: quale scegliere

Non c'è tradizione che si rispetti senza un abete addobbato con palline, festoni e luci. Secondo un'indagine condotta da Coldiretti nel 2019, circa l'88% delle famiglie italiane non rinuncia all'albero di Natale: sarebbero circa 5 milioni gli alberi venduti durante le festività natalizie. Resta però un nodo da sciogliere: meglio quello sintetico o l'intramontabile abete? Contrariamente a quanto la logica possa suggerire, la seconda opzione rappresenta di gran lunga la scelta più ecosostenibile. Ed il motivo è presto detto.

Secondo alcune stime, gli alberi sintetici inquinano 10 volte in più rispetto a quelli veri. Questo perché la produzione di un abete in plastica emette una notevole quantità di gas in serra e, trattandosi perlopiù di prodotti importati dall'altro capo del mondo, vengono trasportati per lunghe distanze con mezzi inquinanti.

L'abete vero, invece, può essere collocato in un vaso da giardino e si conserva in ottimo stato per circa 10 anni. Se non disponete di spazio a sufficienza per ospitarne uno, rivolgetevi a un vivaista di fiducia affinché ne abbia cura al vostro posto fino al Natale successivo. Inoltre, è bene ricordare che circa il 90% degli alberi utilizzati nel periodo natalizio proviene da coltivazioni florovivaistiche nostrane e solo il 10% dalle foreste che, da prassi, vengono sfoltite per garantire la biodiversità.

Luci natalizie: meglio classiche o a led?

Non solo l'albero di Natale sintetico ma anche luci e luminarie hanno un elevatissimo impatto inquinante. Per ovviare a questa criticità ci sono due possibili soluzioni: le luci a led e quelle solari.

Le luci a led sono da preferire a quelle "ad incandescenza" (le classiche alogene, per intenderci) poiché sono a basso consumo energetico emettendo quantità quasi irrisorie di CO2. Secondo uno studio condotto da architetturasostenibile.it le prime, accese per un mese 5 ore al giorno, consumano solo 3kwh a contro i 472kwh di quelle tradizionali per un risparmio energetico pari al 75%.

Un'altra alternativa, qualora si intendano decorare balconi e terrazze della propria abitazione, sono le luci ad energie solare. Ne esistono di diverse dimensioni e tipologie: dalle classiche catene luminose da esterno ai tubi natalizi. Generalmente si ricaricano mediante un pannello solare salvo poi illuminarsi, quasi come per magia, quando cala il buio. Certo, l'investimento iniziale può essere oneroso. Ma considerando che non hanno bisogno di essere alimentate mediante corrente elettrica, vale la pena farci un pensierino, no?

Decorazioni natalizie

Natale è il periodo dell'anno in cui si producono più rifiuti e si spreca più cibo. Gran parte degli "scarti" deriva dalle confezioni dei regali e dalla quantità abnorme di addobbi che, al termine delle festività, finiscono dritti nella pattumiera.

Per evitare inutili eccedenze, possiamo rispolverare vecchi ornamenti e decorazioni. Con un pizzico di ingegno è possibile realizzare delle vere e proprie piccole opere di restauro. La pittura acrilica, ad esempio, si adatta a moltissimi tipi di superfici. Potreste utilizzarla per verniciare palline malconce e suppellettili usurate dal tempo.

Quanto ai classici centrotavola natalizi, sbizzarritevi con la fantasia. Un'idea potrebbe essere quella di utilizzare fiori e frutta, precedentemente essiccati, per realizzare delle profumatissime ghirlande. Anche un semplice vasetto da conserva o un cesto in vimini possono essere trasformarsi in graziosi contenitori in cui servire appetizer agli ospiti durante il cenone. Insomma, non abbiate timore di sperimentare o cimentarvi in lavoretti di decoupage. E la natura vi ringrazierà.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti