Detersivo al posto dell’acqua: imprenditore di 28 anni in fin di vita

Chiede dell’acqua ma il barista gli versa, per errore, del brillantante per lavastoviglie. Dopo aver bevuto, il cliente si sente male. Trasportato in ospedale, il paziente è stato sottoposto ad un delicato intervento chirurgico durante il quale gli è stato asportato lo stomaco e parte dell’esofago

Detersivo al posto dell’acqua: imprenditore di 28 anni in fin di vita

Gli servono un bicchiere contenente brillantante per lavastoviglie anziché della semplice acqua ed ora, a causa di questo assurdo errore, la vita di un giovane imprenditore di 28 anni è appesa ad un filo.

La drammatica vicenda si è svolta in bar di Castrignano del Capo, comune in provincia di Lecce. L’ignaro cliente era entrato nel locale per prendere dell’acqua con la quale poi assumere un farmaco. Una richiesta del tutto innocua ma che pochi istanti dopo si trasformerà in tragedia a causa di una clamorosa svista.

Il barista, infatti, per errore prende un contenitore di plastica contenente del detersivo scambiandolo per una normale bottiglietta d’acqua. Subito dopo aver ingerito il liquido versato nel bicchiere, il giovane si è sentito male ed ha iniziato a vomitare per, poi, perdere i sensi.

Il 28enne è stato immediatamente soccorso e trasportato d’urgenza all’ospedale “Cardinale Panìco” di Tricase. Qui è stato condotto immediatamente in sala operatoria per essere sottoposto ad un delicato intervento chirurgico durato circa cinque ore.

Ad eseguire l’operazione è stato il primario di Chirurgia generale, Massimo Giuseppe Viola, che ha dovuto asportare lo stomaco e parte dell’esofago del paziente pur di salvargli la vita.

Lo sfortunato imprenditore ora ricoverato nel reparto di rianimazione in prognosi riservata. Anche se dovesse sopravvivere, la strada verso il recupero sarebbe molta lunga. Il giovane, infatti, in futuro dovrebbe sottoporsi ad altri interventi chirurgici.

Commenti