Coronavirus

Diritti senza doveri, dal virus ai sussidi

I diritti nella società liberale non sono un pasto gratis perché ad essi corrispondono altrettanti doveri

Diritti senza doveri, dal virus ai sussidi

I diritti nella società liberale non sono un pasto gratis perché ad essi corrispondono altrettanti doveri. Parafrasando il principio enunciato da John F. Kennedy sui diritti e doveri del singolo verso la nazione («Non chiederti che cosa il Paese può fare per te, ma chiediti che cosa puoi fare tu per il Paese»), la società liberale dice «non pretendere il rispetto dei tuoi diritti se non fai altrettanto col diritto degli altri». Invece, il reddito di cittadinanza, i No Vax e lo ius soli, nati nelle culle dei 5 Stelle e del Pd e cresciuti nelle loro serre ben riscaldate, sono figli dell'idea illiberale e anti sociale che esistano diritti degli individui senza doveri verso la comunità della nazione di cui calcano il suolo. Essa può dare gratis i posti a tavola, come nel paradiso celeste e quello terrestre, ove non ci sono problemi di scarsità. Così il No Vax dice: «Non mi vaccino perché, avendo diritto alla mia salute, ho diritto a scegliere come gestirlo, anche se ciò genera un danno ad altri: di cui deve occuparsi il governo». Il No Vax non si rende conto che il governo siamo noi, non è il Padreterno che governa il paradiso. Analogamente, chi pensa di avere diritto al reddito di cittadinanza, perché risiede in Italia e non ha un lavoro, pensa che è dovere del governo finanziarlo, senza chiedersi con quelli mezzi: o a carico dei cittadini presenti, con imposte o facendo debiti a carico dei cittadini futuri, o tassando le eredità con alti tributi, anticipando così al presente l'onore futuro. I fautori dello ius soli reclamano il diritto per chi calca il nostro suolo di avere ogni cosa, senza il dovere di fare qualcosa per meritarselo. Invece nella parabola del buon seminatore, il raccolto deve essere abbondante, per consentire di dare a tutti il pane quotidiano. La carità è possibile solo così. Nel paradiso celeste e terreste, il problema della scarsità non c'è. Ci pensa il Padreterno. Ma non è vero che nel paradiso terrestre si può prendere qualsiasi frutto. Ci sono frutti proibiti. Che sono stati già colti. E perciò ci sono preclusi. Dunque il «diritto del suolo» va meritato. Il reddito di cittadinanza immeritato va cancellato. Il No Vax non può scegliere di non vaccinarsi, se vuole partecipare al grande club della società italiana deve avere il green pass. Non ci sono i diritti senza i doveri, dice il Vangelo della società liberale. Il merito fornisce la base ai bisogni. Per vincere il bronzo, l'argento, l'oro olimpico l'atleta se lo deve meritare.

Commenti