Divorzio, la legge sull'assegno: carcere per chi non paga

La legge prevede il carcere fino a un anno o una multa fino a 1.032 euro per chi non paga l'assegno di mantenimento dopo il divorzio

Divorzio, la legge sull'assegno: carcere per chi non paga

Adesso i genitori (spesso padri) che dopo il divorzio non pagano l'assegno di mantenimento, rischiano il carcere. Da domani infatti entra in vigore l'articolo 570 bis del codice penale che prevede il carcere fino a un anno o una multa fino a 1.032 euro per l'ex coniuge che si sottrae "agli obblighi di assistenza inerenti alla responsabilità genitoriale o alla qualità di coniuge".

"Si amplia la tutela legale che il codice penale offre in ambito familiare, sia da un punto di vista soggettivo (tutela estesa dai soli discendenti anche agli ex coniugi) che oggettivo (il reato verrà commesso non solo da chi faccia mancare i mezzi di sussistenza, ma anche da chi ometta di versare l'assegno di mantenimento)", spiega all'Adnkronos l'avvocato Giuseppe Mauro, specializzato in diritto di famiglia. "L'art. 570 limitava la pena al genitore che faceva mancare i mezzi di sussistenza ai propri discendenti, generalmente ai propri figli. Ora quelle pene si applicano al coniuge che si sottrae all'obbligo di corresponsione di ogni tipologia di assegno dovuto in caso di scioglimento, di cessazione degli effetti civili o di nullità del matrimonio, ovvero vìola gli obblighi di natura economica in materia di separazione dei coniugi e di affidamento condiviso dei figli"

Fino ad oggi il reato, punibile penalmente, si generava solo nel caso in cui il coniuge facesse mancare al figlio cibo, vestiti o una casa dove avitare. Ma non a chi, spiega Mauro, "a fronte di un assegno di mantenimento di 1000 euro, decideva arbitrariamente di versarne 500".

Il carcere è solo una minaccia? Secondo l'avvocato Marco Meliti "la legge serve da ammonimento", ma dopo "più sentenze il carcere è davvero un rischio".