Informazioni scorrette sul vino, per Eataly una multa da 50mila euro

La denuncia del Codacons sui solfiti nelle bottiglie. E ora arrivano le sanzioni

Informazioni scorrette sul vino, per Eataly una multa da 50mila euro

Riceviamo e pubblichiamo la richiesta di rettifica.

Erano presentati come "vini liberi", un'indicazione apposta dai punti vendita di Eataly che lasciava intendere quelle bottiglie fossero libere da concime ed erbici, ma anche da altre sostanze chimiche.

Una tesi non sostenuta dai fatti, secondo l'Antitrust, che ora ha multato la società per 50mila euro, sostenendo che le informazioni fornite erano ingannevoli. Lo rivela il Codacons, che si era rivolto all'authority proprio per fare chiarezza.

L'associazione dei consumatori aveva scoperto nelle bottiglie in questione una percentuale di solfiti, inferiore a quella massima prevista per legge almeno del 40%, ma comunque esistente. E ora l'Antitrust ha chiesto di "modificare sia la cartellonistica dedicata alla vendita di vini presente nei vari punti vendita, sia gli adesivi presenti sulle bottiglie", in modo che sia chiaro che quel vino è "libero da concimi di sintesi, libero da erbicidi, libero da almeno il 40% dei solfiti rispetto al limite previsto per legge".

L'Antritrust ha anche sanzionato l'Associazione vino libero e la società Mirafiore & Fontanafredda, che rispettivamente distribuiscono i vini del progetto Vino libero e si occupano dei rapporti con Eataly. Le multe comminate sono da 5.000 e 8.000 euro.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti