Erba velenosa scambiata per zafferano: coppia muore intossicata

La coppia aveva preparato il risotto scambiando la colchicina per lo zafferano. Avevano raccolto l'erba velenosa nei boschi di Folgaria

Hanno mangiato un risotto con un'erba velenosa scambiata per zafferano. Una coppia di Cona, in provincia di Venezia, è morta a causa di un'intossicazione da colchicina, polvere gialla molto simile allo zafferano che si estrae dal colchio d'autunno.

Giuseppe Agodi, 70 anni, e la moglie Lorenza Frigatti, 69 anni, stavano trascorrendo alcuni giorni di vancanza a Folgaria, in Trentino, dove, nel corso di una camminata nei boschi, hanno raccolto la pianta mortale. L'uomo, ex cancelliere del Giudice di Pace di Cavarzere e Cona, si è sentito male subito dopo aver mangiato il risotto ed è morto in pochi minuti.

All'inizio si è pensato a un infarto, ma pochi giorni dopo anche la moglie ha iniziato a sentirsi male. Ricoverata nel reparto di terapia intensiva all'ospedale di Piove di Sacco, i medici hanno notato i sintomi dell'avvelenamento e hanno chiesto alla Procura di Padova di effettuare l'autopsia sul corpo del marito. L'esame del medico legale Massimo Montisci ha svelare l’avvelenamento da colchicina nell’uomo. Inutili però le cure sulla moglie, morta dopo due settimane di ricovero. Sul caso indaga la Procura di Trento.

La colchicina

La coppia aveva preparato il risotto scambiando la colchicina per lo zafferano. La polvere gialla e inodore è contenuta nel colchio d'autunno, pianta che fiorisce tra agosto e settembre e cresce spontanea nei prati, per lo più ai margini dei boschi. L'avvelenamento da colchicina è mortale e ha un effetto quasi immediato. Si manifesta con bruciore alla gola, dolori gastrici, crampi e sudori freddi e può portare alla morte per insufficienza respiratoria o collasso cardiocircolatorio.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Azo

Azo

Mar, 19/09/2017 - 19:31

Non raccontate queste Minchiate, i mussulmani sono ghiotti di questa notizie???

Abraracourcix

Mar, 19/09/2017 - 21:38

Se vogliamo essere precisi, il nome della pianta è Colchico. Colchicina è la tossina in essa contenuta, tra l'altro comunemente utilizzata anche nella terapia della gotta.

Ritratto di mbferno

mbferno

Mar, 19/09/2017 - 21:58

Comprare quello in bustina no eh?

Ritratto di ottimoabbondante

ottimoabbondante

Mar, 19/09/2017 - 23:50

Il fatto é che le piantine di colchico e quello dello zafferano sono assai simili tanto che é facile confonderle.

Raoul Pontalti

Mer, 20/09/2017 - 00:03

I soliti castroni che in autunno cercando i fiori dello zafferano li confondono con quelli del colchico e in primavera cercando aglio orsino fanno confusione nuovamente con il colchico e persino con il mughetto (altra pianta erbacea tossica). I castroni è giusto che crepino, mi dispiace solo per chi si è fidato di loro e purtroppo crepa allo stesso modo. Rilevo improbabile la morte per avvelenamento da colchicina immediatamente dopo l'assunzione della pianta tossica, essendone lento l'assorbimento e lenta anche l'azione.

Popi46

Mer, 20/09/2017 - 06:30

-mbferno: che vuole, costa parecchio...

Ritratto di Goldglimmer

Goldglimmer

Mer, 20/09/2017 - 08:07

Anche lo zafferano è velenoso se preso in quantità. 10-12 grammi bastano per uccidere una persona

Abraracourcix

Mer, 20/09/2017 - 13:13

Diffidate in ogni caso sempre dei sedicenti esperti.