Le Fiat 500 protagoniste di un concorso di presepi

Le Fiat 500 hanno fatto da sfondo a un concorso di presepi che si è tenuto nell'antico borgo medievale della val Nervia. Una trentina i partecipanti che hanno dato sfogo alla propria creatività

Le Fiat 500 protagoniste di un concorso di presepi

Le mitiche Fiat 500, auto ormai d’epoca, che ancora oggi raccontano un pezzo di storia del nostro Paese, sono state protagoniste, a Dolceacqua, nell’entroterra di Ventimiglia, in provincia di Imperia, di un “contest” di presepi. Un concorso aperto ai membri del “Fiat 500 Club Italia”, di Garlenda, in provincia di Savona. Una trentina i partecipanti, sui circa cinquanta espositori - alcuni organizzatori hanno preso parte fuori concorso - i quali hanno dato libero sfogo alla propria creatività.

C’è, infatti, chi ha allestito la natività nel cofano dell’utilitaria; chi l’ha confezionata nel lunotto posteriore o addirittura sul tettuccio. C’è, poi, un presepe (collegato da un ponte) che è stato realizzato a cavallo tra due Fiat 500. L’allestimento è stato realizzato con materiali poveri, per lo più statuine intarsiate nel legno, ma anche disegnate sulla pietra o realizzate con delle “candele” del motore. In alcuni casi al posto della statuina raffigurante Gesù, è stato posizionato un neonato, quest’ultimo adagiato nel cofano dell’auto, su un giaciglio di paglia ricoperto da un asciugamano.

Con 305 voti il concorso è stato vinto da Mario Mazzilli di San Bartolomeo al Mare (Imperia), seguito da Enrico Brigneti di Camogli (Genova) e al terzo posto si è classificato Andrea Pititto, di Imperia. I tre vincitori sono stati premiati dal coordinatore di zona del Club Italia, Biagio Farace, con l'assistenza delle due veline: Camilla Romagnone" e Susanna Elisa Catellani. Si tratta del quarto presepe organizzato dal club. Gli altri tre sono stati allestiti a Taggia (Imperia), Loano (Savona) e Imperia.

“E’ un'idea che ci è venuta in mente quattro anni fa - dichiara Farace -. Per ciascuna edizione cerchiamo di privilegiare una parte diversa della Liguria. Nel 2020, l’organizzazione spetterà al comitato di Imperia del Club, ma è ancora troppo presto per stabilire quale città ospiterà la mostra. Il raduno si è tenuto nella centrale piazza Mauro, con il patrocinio dei Comuni di Vallecrosia, dove si sono tenute le iscrizioni e Dolceacqua.

Commenti