Forlì, spari contro africani con pistole ad aria compressa

Due aggressioni a migranti in pochi giorni. La comunità di stranieri: "Abbiamo paura. Si spara ai neri, si guarda alla pelle, è evidente"

Una macchina che si avvicina e spara con una pistola ad aria compressa. I colpi raggiungo e feriscono la vittima. In pochi giorni si sono registrate due aggressioni contro africani che hanno messo in allarme la comunità degli stranieri di Forlì: "Abbiamo paura. Si spara ai neri, si guarda alla pelle, è evidente". I carabinieri stanno indagando per chiarire la vicenda e se dietro possa esserci la stessa mano.

Le aggressioni

Il primo ad essere colpito è stato un ivoriano di 33 anni. Il giovane era in sella alla sua bici quando è stato avvicinato da una macchina. Poi il colpo, sparato da una pistola soft air. Il 33enne ha riportato lievi ferite all'addome, con prognosi di 10 giorni.

Pochi giorni dopo una donna nigeriana sarebbe stata avvicinata da un motorino e una delle due persone a bordo l'avrebbe ferita al piede sempre con una pistola da softair. La vittima non ha denunciato per paura.

Le proteste

"Stiamo pensando di organizzare una manifestazione contro il razzismo. In queste ore siamo in contatto con alcune associazioni del territorio per decidere quando e come farla", ha spiegato a Il Resto del Carlino il portavoce della comunità degli stranieri, Gbeu Serge Diomande. "Abbiamo paura - ha continuato -. Fatti simili non si erano mai verificati a Forlì prima d'ora".

"È il momento di far sentire la nostra voce e che la politica parli alla comunità africana. Oppure ci dicano che c’è il coprifuoco e che dopo una certa ora non possiamo più uscire di casa. Bisogna fare qualcosa. Non vorrei che la prossima volta sparassero proiettili veri", ha concluso Diomande.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

VittorioMar

Dom, 08/07/2018 - 17:00

..VOI CI CREDETE ??..IO NO !!..fanno allarmismo per scuotere le coscienze ...ma loro cosa fanno per far reagire(forse) una comunità seria e operosa di FORLI'??...qualche domanda il giornale e il giornalista se la dovrebbe porgere!!...non fate passare gli ITALIANI per quello che non SONO ...!!...chi sono gli Anti Italiani ???

baronemanfredri...

Dom, 08/07/2018 - 19:02

CERTO E' DA RILEVARE SE E' UNA NOTIZIA VERA O FALSA PERO', COME GIA' AVEVO SCRITTO IN UN ARTICOLO INVIATO E NON PUBBLICATO ME NE SBATTO ALTAMENTE. LA SITUAZIONE IN ITALIA E' TANTO GRAVE CHE ORMAI GLI ITALIANI PENSANO A MORTI FERITI CAUSATI DA QUESTI ANIMALI PROTETTI DALLA SINISTRA E DAL PAPA

steacanessa

Dom, 08/07/2018 - 19:03

Il portavoce che mestiere fa? È forse un pelandrone che manteniamo in qualità di interprete delle migliaia di dialetti africani? Non c’è nessuno più razzista dei diversamente bianchi. Se fanno la manifestazione occorre cogliere l’occasione per verificare se sono regolari.

carlottacharlie

Dom, 08/07/2018 - 19:16

Fosse anche vero cosa sarebbe di male? Neri picchiano mordono e feriscono e violentano ogni giorno noi bianchi e non diciamo che loro sono razzisti. Diciamo che sono delinquenti neri che ci hanno stancati e che non sopportiamo più; se qui non stanno bene e si sentono sotto mire razziste possono tornarsene a casa, noi non ci offenderemo. Che la smettano di far le vittime, questo gioco l'abbiamo capito da un pezzo.

Rottweiler

Dom, 08/07/2018 - 19:26

"Stiamo pensando di organizzare una manifestazione, È il momento di far sentire la nostra voce.." il momento di tornare in Africa no ?

Massimom

Dom, 08/07/2018 - 19:52

Quando un nero è vittima o si presume sia vittima è sempre razzismo, quando un milione di bianchi sono vittime non è mai razzismo.