"Fossi morta sarei più credibile?". La lettera della ragazza stuprata al giudice che ha assolto il branco

In primo grado i sei imputati condannati a 4 anni e mezzo, poi l'assoluzione della Corte d'Appello. La giovane: "Spero che la giustizia prima o poi funzionerà"

"Fossi morta sarei più credibile?". La lettera della ragazza stuprata al giudice che ha assolto il branco

"Vorrei riuscire a scrivere qualcosa che abbia un senso ma non posso perché un senso, questa vicenda, non ce l’ha. Sono io la ragazza dello stupro della fortezza, sono io". Non ha un nome e un cognome. Per lo meno, noi non li sappiamo. È la ragazza della Fortezza dal Basso. Qualche giorno fa la Corte d'Appello ha deciso, a sorpresa, di assolvere i sei ragazzi accusati di averla stuprata nel 2008. Per i giudici la giovane, all'epoca 23enne, avrebbe denunciato il rapporto sessuale per "rimuovere" un suo "discutibile momento di debolezza e fragilità". E, comunque, i ragazzi possano aver "mal interpretato" la disponibilità della ragazza.

A questi giudici la ragazza ha voluto rispondere. Lo ha fatto con una lettera pubblicata sul blog Abbatto i muri: "Come potete immaginare che io mi senta adesso? Non riesco a descriverlo nemmeno io. La cosa più amara e dolorosa di questa vicenda é vedere come ogni volta che cerco con le mani e i denti di recuperare la mia vita, di reagire, di andare avanti, c’é sempre qualcosa che ritorna a ricordarmi che sì, sono stata stuprata e non sarò mai piú la stessa". Lo ha fatto per ribadire alla Corte d'Appello che lei, nonostante la violenza sessuale, esiste ancora. "Esisto - scrive la ragazza - nonostante abbia vissuto anni sotto shock, sia stata imbottita di psicofarmaci, abbia convissuto con attacchi di panico e incubi ricorrenti, abbia tentato il suicidio più e più volte, abbia dovuto ricostruir a stenti briciola dopo briciola, frammento dopo frammento, la mia vita distrutta, maciullata dalla violenza: la violenza che mi é stata arrecata quella notte, la violenza dei mille interrogatori della polizia, la violenza di 19 ore di processo in cui é stata dissezionata la mia vita dal tipo di mutande che porto al perché mi ritengo bisessuale". Per l'avvocata Lisa Parrini che ha difeso la vittima si tratta di una sentenza impregnata di moralismo dal momento che è stata portata avanti indagando sulle abitudini sessuali della donna violentata per stabilire se davvero si è trattato di stupro. "Ogni maledetta volta dopo aver lavorato su me stessa, cercato di elaborare il trauma, espulso da me i sensi di colpa introiettati, il fatto di sentirmi sbagliata, sporca, colpevole - scrive la ragazza - dopo aver cercato di trasformare il dolore, la paura, il pianto in forza, in arte, ecco un altro articolo che parla di me. E io mi ritrovo catapultata di nuovo in quella strada, nel centro antiviolenza, nell‘aula di tribunale".

"Abbiamo perso tutti - condanna la ragazza - non hanno vinto loro, gli stupratori, la loro arroganza, il loro fumo negli occhi, le loro vite vincenti". E, dopo che i giudici di appello hanno clamorosamente ribaltato la sentenza del primo processo che condannava i sei ragazzi del branco, arriva addirittura a pensare che, forse, tornando indietro non denuncerebbe le violenze subite. "Che se anche la giustizia con me non funziona prima o poi funzionerà - è l'auspicio - cambierà, dio santo, certo che cambierà". "Ebbene sì - conclude - se per essere creduta e credibile come vittima di uno stupro non bastano referti medici, psichiatrici, mille testimonianze oltre alla tua, le prove del dna, ma conta solo il numero di persone con cui sei andata a letto prima che succedesse, o che tipo di biancheria porti, se usi i tacchi, se hai mai baciato una ragazza, se giri film o fai teatro, se hai fatto della body art, se non sei un tipo casa e chiesa e non ti periti di scendere in piazza e lottare per i tuoi diritti, se insomma sei una donna non conforme, non puoi essere creduta".