Cronache

Frosinone, immigrati aggrediscono controllori, denunce e venti multe

Aggressione su un autobus a Frosinone. Identificati tre richiedenti asilo per cui scatta il provvedimento giudiziario. Sanzione amministrativa per venti. L'autista, nonostante il caos, riesce a portare l'autobus al capolinea

Frosinone, immigrati aggrediscono controllori, denunce e venti multe

Frosinone, capolinea degli autobus in Piazzale Pertini: alle ore 15 del 4 agosto arriva una richiesta d'intervento da parte del personale Cotral. Due controllori sarebbero stati aggrediti successivamente alla richiesta di far vedere il biglietto convalidato. Ma l'autista, nonostante il caos creatosi a bordo, è comunque riuscito a far arrivare il mezzo a destinazione, evitando il tentativo di fuga da parte di coloro che venivano trasportati. Le porte, insomma, sono rimaste chiuse.

Secondo quanto abbiamo appreso da questo pezzo, "uno dei due controllori, visibilmente dolorante, veniva fatto accompagnare presso il locale Pronto Soccorso dove gli veniva riscontrata la frattura della di prognosi di 25 giorni; l’altro addetto riferiva che, durante il tentativo di fuga dei passeggeri, era stato completamente danneggiato il computer palmare in suo possesso utilizzato per l’emissione delle copie cartacee delle sanzioni amministrative". A Frosinone, insomma, un altro episodio relativo alle aggressioni che gli autisti sono costretti a subire in questo periodo estivo.

Sempre secondo quanto è trapelato sin'ora, i protagonisti dell'episodio sono principalmente tre: un 22enne del Mali, un 22enne della Costa d'Avorio ed un 19enne della Guinea. Tutti e tre sarebbero richiedenti asilo. Deferiti dall'Autorità Giudiziaria per i reati di lesioni e danneggiamento aggravato, avrebbero provato a scendere dall'autobus, travolgendo violentemente i due controllori. Gli uomini delle Volanti, coordinati dal Commissario Capo Flavio Genovesi, hanno così identificato i coinvolti, con l’ausilio della Squadra Mobile e della Polizia Scientifica. I venti passeggeri dell'autobus sono risultati essere sprovvisti di regolare titolo di viaggio. Scattano, allora, anche le sanzioni amministrative. Tutte le persone presenti sull'autobus sono state identificate dopo essere state condotte in Questura per mezzo dello stesso autobus Cotral. Un'altra aggressione, dunque, che ha come protagonisti degli immigrati.

Commenti