Cronache

In fuga con l'auto rubata da un'officina: arrestati

I responsabili, con manovre spericolate, hanno seminato il panico tra le vie di Cellino San Marco

In fuga con l'auto rubata da un'officina: arrestati

A Cellino San Marco (Comune in provincia di Brindisi) i Carabinieri della Sezione Radiomobile della Compagnia brindisina hanno tratto in arresto, in flagranza di reato, per resistenza a pubblico ufficiale e ricettazione Gianmarco Caldiron (38 anni) e Christian Carrozzo (18 anni) entrambi del posto. Gli indagati, intorno alle ore 14 di mercoledì 29 ottobre, si sono sottratti a un controllo alla circolazione stradale, dandosi a precipitosa fuga per le vie del paese. A bordo di un'autovettura Audi A4 hanno seminato il panico tra i pedoni e, solo per un caso fortuito, nessuno di questi è stato investito. L'inseguimento, della durata di circa dieci minuti, è stato infatti caratterizzato da manovre spericolate per le strade del centro abitato. Gli occupanti del mezzo non hanno minimamente tenuto conto dell'incolumità dei cittadini, impegnati com'erano a cercare di fuggire dai militari. In quel momento particolarmente affollato dato l'orario di uscita dalle scuole, i responsabili hanno poi deciso di abbandonare l'auto e di proseguire la folle corsa a piedi, facendo perdere immediatamente le loro tracce.

Le immediate ricerche poste in essere dai Carabinieri di Brindisi che avevano già riconosciuto il soggetto alla guida, hanno consentito di rintracciare dopo poco tempo entrambi i responsabili nei pressi del domicilio di Caldiron. Esperiti gli ulteriori accertamenti, è emerso che l'auto utilizzata per la fuga era di proprietà di una donna 42enne di Lecce, nonché provento di furto perpetrato nella mattinata in un'officina di Cellino San Marco, ove la stessa era custodita. Il veicolo è stato restituito all'avente diritto. Su disposizione dell'Autorità Giudiziaria, al termine delle formalità di rito, Gianmarco Caldiron e Christian Carrozzo sono stati tradotti presso le rispettive abitazioni in regime di arresti domiciliari.

Commenti