Gabrielli: "Un reato su tre commesso da stranieri"

La denuncia del capo della polizia: "Un aumento degli stranieri coinvolti tra arrestati e denunciati". E sui decreti sicurezza di Salvini: "Ci sono cose utili"

Gabrielli: "Un reato su tre commesso da stranieri"

Meno reati, ma sempre più stranieri a commetterli. Lo sottolinea il capo della polizia, Franco Gabrielli, intervenendo al "Festival delle città" in corso a Roma. "C'è un dato inequivocabile: da 10 anni in Italia i reati fanno segnare un trend in calo complessivo. Ma c'è anche, negli ultimi anni, un aumento degli stranieri coinvolti tra arrestati e denunciati", ha detto.

Inoltre, fa notare sempre Gabrielli, "nel 2016 su 893 mila persone denunciate e arrestate, avevamo il 29,2% degli stranieri coinvolti; nel 2017 la percentuale è salita al 29,8%, l'anno dopo al 32% e nei primi nove mesi del 2019 il trend è lo stesso, poco sotto il 32%". Il capo della polizia fa notare anche che gli stranieri presenti nel nostro Paese, tra regolari e no, sono il 12%, e quindi questo "dà la misura del problema".

E sui decreti sicurezza promossi dall'ex ministro dell'Interno Matteo Salvini, la valutazione del capo della polizia è positiva: "Dal mio punto di vista ci sono cose utili, che sono cose che abbiamo noi stessi concorso a realizzare, e altre cose che ovviamente attengono a un'impostazione politica, che io personalmente non necessariamente condivido". "Ritengo che alcune questioni debbano essere affrontate in modo diverso ma io ho il grandissimo vantaggio di essere un funzionario dello Stato e di non dover dare patenti di correttezza a chi mi governa", ha aggiunto.

Commenti