Genova si ferma per i funerali di Stato

"Oggi a Genova è il giorno del dolore, del raccoglimento, della riflessione, della vicinanza ai familiari delle vittime e dei dispersi, ai feriti, agli sfollati"

Genova si ferma per i funerali di Stato

È stato accompagnato da un lungo applauso l'ingresso dei rappresentanti del Corpo nazionale dei vigili del fuoco che hanno portato il loro saluto ai feretri delle 19 vittime all'interno del padiglione B della Fiera di Genova dove si stanno celebrando i funerali di Stato.

Tutta Genova oggi si ferma per stringersi alle famiglie delle vittime del disastro di Ponte Morandi: sono circa 5mila le persone attese alla Fiera. Alle esequie che sono celebrate dal cardinale Angelo Bagnasco alla presenza del capo dello Stato, Sergio Mattarella, ci sono anche Giovanni Castellucci, Amministratore Delegato di Autostrade per l'Italia e il presidente Fabio Cerchiai.

Le squadre di calcio al completo di Genoa e Sampdoria sono arrivate insieme alla fiera di Genova. Ci sono i presidenti Ferrero e Preziosi e gli allenatori Ballardini e Giampaolo. Le partite Sampdoria-Fiorentina e Milan-Genoa sono state rinviate per lutto.

"Oggi a Genova è il giorno del dolore, del raccoglimento, della riflessione, della vicinanza ai familiari delle vittime e dei dispersi, ai feriti, agli sfollati. Qui ci sono solo 18 bare, molti hanno scelto cerimonie in forma privata. Ma questa città è il simbolo di una sofferenza che percorre tutto il Paese. Sofferenza che ha sete di risposte. Di verità. Di giustizia". Lo ha scritto su Facebook il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli.

"Doverosa giustizia"

"La ferita è profonda, è fatta innanzitutto dallo sconfinato dolore per coloro che hanno perso la vita e per i dispersi, per i loro familiari, i feriti, i molti sfollati". Ha detto il cardinale Angelo Bagnasco, arcivescovo di Genova, nella sua omelia. "Siamo qui per affidarci alla misericordia e alla consolazione che solo Dio può dare. Sappiamo che qualunque parola umana, seppure sincera, è poca cosa di fronte alla tragedia, così come ogni doverosa giustizia nulla può cancellare e restituire".

Commenti