Giochi col computer durante il lavoro? Ti possono licenziare

Una sentenza della Cassazione sancisce la linea dura con i lavoratori "distratti"

Una partitina a Candy crush durante l'orario di lavoro può anche costare il posto. Lo ha deciso la corte di Cassazione che ha ordinato un nuovo esame nei confronti di F.C., un dipendente della K24 Pharmaceuticals, nella capitale, che nel 2007 era stato licenziato con l’accusa "di avere utilizzato durante l’orario di lavoro il pc di ufficio per giochi con un impiego di quasi 300 ore nel periodo di oltre un anno, provocando un danno economico e di immagine" all’azienda stessa. Qualcosa di più di un'innocente ed evasiva partitina.

Il lavoratore era stato reintegrato su decisione della Corte d’appello di Roma, nell’agosto 2010, sulla base del fatto che la contestazione aziendale era stata troppo "generica", impedendo così al lavoratore di difendersi dalle accuse. Contro la reintegra di F.C. ha fatto ricorso l’azienda e la sezione Lavoro - sentenza 25069 - ha accolto la tesi difensiva. In particolare, la Suprema Corte ha fatto notare che "l’addebito mosso al lavoratore di utilizzare il computer in dotazione ai fini di gioco non può essere ritenuto logicamente generico per la sola circostanza della mancata indicazione delle singole partite giocate abusivamente dal lavoratore".

È, dunque, "illogica - ha sottolineato la Cassazione - la motivazione della sentenza impugnata che lamenta indicazione specifica delle singole partite giocate, essendo il lavoratore posto in grado di approntare le proprie difese anche con la generica contestazione di utilizzare in continuazione, e non in episodi specifici isolati, il computer aziendale» per motivi ludici. Il lavoratore subirà un nuovo esame davanti alla Corte d’appello di Roma che «provvederà ad una diversa decisione non considerando generica la lettera di contestazione da cui poi è conseguito il licenziamento".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

isolafelice

Gio, 07/11/2013 - 16:38

Quante storie, uno che in un anno gioca al computer per più di sette settimane lavorative, invece di fare il lavoro per cui è pagato, deve essere licenziato. Con pietà umana lo si potrebbe lasciare al lavoro togliendogli ovviamente il pc e facendosi restituire lo stipendio di sette mesi.

Ritratto di hellmanta

hellmanta

Gio, 07/11/2013 - 16:45

...E mi sembra il minimo! A chi gioca in ufficio bisognerebbe tagliare entrambe le mani

Ritratto di Ezechiele lupo

Ezechiele lupo

Gio, 07/11/2013 - 16:49

Dovrebbe pagare anche l'uso di un pc non suo a 50 € alla settimana.

max.cerri.79

Gio, 07/11/2013 - 16:59

Non ci vedo niente di strano Poteva evitare di farsi beccare

Ritratto di NangaParbat

NangaParbat

Gio, 07/11/2013 - 17:09

il pc lo puoi utilizzare per svago,pur essendo al lavoro, ma abusarne cosi e' un tantino troppo davvero..

Massimo Bocci

Gio, 07/11/2013 - 17:30

No se ti dichiari COMUNISTA!!!! Allora è un diritto acquisito (istituzione e costituzionale...di Stalin e coop) di farsi/ti i cazzi propri con la roba altrui (meglio se di un Bue, PRONO!!! e PIRLA sovrano???) , tutto codificato come da dettami costituzionali 47, vedi quanto può sperperare un solo comunista (240 milioni di Euri) che sul colle gioca, ....ai Golpe: Spread-Euro, giudiziari,ecc.eec una lista di giochini (golpe!!!) interminabili, tutti rigorosamente a carico e sulla vita degli Italiani VERI!!! Sennò i comunisti si annoiano nel REGIME!!!! Solo a RUBARE e far finta di essere democratici con le primarie??? Di chi ruba per primo!!! E meno male che hanno come servizio d'ordine dei veri professioni.....la camorra.

herbavoliox

Gio, 07/11/2013 - 18:07

Ho visto la bindi col tablet in parlamento che faceva il solitario. Mandiamola a casa, riflette meglio.

Ritratto di sailor61

sailor61

Gio, 07/11/2013 - 18:54

vorrei solo richiamare la vostra attenzione sulle date: licenziato nel 2007 reintegrato nel 2010 e ora la Cassazione annulla e rimanda alla Corte di Appello! scommettiamo che prima del 2018 questo fascicolo non verrà chiuso? E ancora ci si domanda perchè nessuno viene ad investire in Italia? perchè le aziende chiudono? Ma re giorgio, capo del CSM cosa fa? gioca con le oche nei giardini del Quirinale, a risiko con i Corazzieri, a nascondino con Clio nei saloni? Perchè non si agita, non scrive lettere, non richiama all'ordine la schiera di magistrati che stanno più nei convegni ed in tv invece di produrre giustizia? scusate lo so è tempo perso ma ....

Ritratto di chris_7

chris_7

Gio, 07/11/2013 - 20:44

c'è uso e abuso, se in 8 ore c'è del tempo libero perchè hai poche pratiche da svolgere è accettabile , ma se giochi in continuazione a scapito delle ore lavorative ridai il computer all'azienda

syntronik

Ven, 08/11/2013 - 08:18

Mi sembra strano, che i sindacati non abbiano ancora scioperato, chiedendo lo stipendio di lavoro straordinario, quando un dipendente gioca con il pc nelle ore di lavoro, io metterei anche una integrazione di aumento pensione quando sara il momento, tutto questo aiutera l'italia a progredire econimicamente, diminuendo il costo del lavoro, e aumentando la produttivitá del far niente, piu fai niente piú diritti hai, strano che la cassazzione non abbia condannato l'imprenditore a dare paga doppia durante il gioco.

fabiotiziano

Ven, 08/11/2013 - 08:41

a parte che 300 ore in oltre un anno fa meno di un'ora al giorno, magari giocata in pausa pranzo, non lo sappiamo, comunque, tutti voi che commentate (me compreso) volete farmi credere che siete a casa con il vostro PC e non al lavoro utilizzando in maniera impropria uno strumento che serve per lavorare? (prima di guardare la pagliuzza nell'occhio di vostro fratello...)

roberto.morici

Ven, 08/11/2013 - 19:57

Se il conteggio delle 300 ore è esatto, a questo ragazzo sono state pagate (slo ?) 7 settimane e mezza, in un anno, trascorse a giocare al computer.

Anselmo Masala

Ven, 08/11/2013 - 21:18

fabiotiziano:tu sei sicuramente di questi..... he si....negli uffici(e tu dovresti saperlo bene)l'ora della pausa pranzo non si tocca,neanche per cazzeggiare al pc...poi chi ve lo fa fare,quando c'e' l'intera giornata a disposizione???Poi tu pensi che si tratti di solo un'ora.. tutto da vedere,comunque se anche fosse così,un'uomo onesto dovrebbe timbrare un'ora in meno e non costringere il suo datore di lavoro a pagargli le sue cazzate,ma siete talmente adagiati all'ozio,che pensate che queste cose siano atti dovuti,hai mai provato a fare il conto di un'ora di lavoro per tutti gli impiegati della PA quanto somma??? Se poi aggiungi anche quelli del settore privato vedrai che la cifra non e' irrisoria.... ma resta comunque il principio disonesto.... ci sei??? Saluti

cgf

Ven, 08/11/2013 - 23:01

300 ORE sono quasi 2 mesi di lavoro se si considera la media di 176 ore lavorative mensili... cmq si è pagati per lavorare e non per giocare così come gli strumenti dell'azienda. Vuoi giocare? portati il tuo PC/Tablet e fuori dall'orario di lavoro o al C3SS fai quello che vuoi ed oltre l'avvocato che ti difenda cercati anche un medico buono che ti curi, è il pezzo giusto che ti manca al puzzle, non le caramelle colorate!