Morto Giorgio Squinzi, ex presidente di Confindustria

Il mondo del calcio e non solo piange la morte del Presidente del Sassuolo Giorgio Squinzi, fondatore e proprietario insieme al padre della Mapei S.n.c.

Morto Giorgio Squinzi, ex presidente di Confindustria

L'imprenditoria italiana e mondiale, e anche il mondo del calcio, piangono la morte di un grande personaggio come Giorgio Squinzi, deceduto questa sera all'età di 76 anni.

Il proprietario del Sassuolo e grande tifoso del Milan si è spento gettando così nello sgomento un po' tutti. Squinzi è stato un grandissimo imprenditore, amministratore unico della società Mapei, acronimo di materiali ausiliari per edilizia e industria, fondata dal padre Rodolfo nel 1937, ex Presidente di Confindustria dal 2012 al 2016 e proprietario del Sassuolo calcio dal 2002 con cui ha ottenuto buoni risultati in Serie A.

Squinzi è nato a Cisano Bergamasco nel 1943 e nel 1969, all'età di 26 anni, si laurea in Chimica Industriale all'Università Statale di Milano e l'anno successivo sposa Adriana Spazzoli nella chiesa di Polenta. Imprenditore di seconda generazione lungimirante e rispettato è stata una figura importante nel panorama imprenditoriale italiano con la sua azienda che è stata sempre considerata un modello per la sua stabilità e per la sua storia.

Per dodici anni, prima dell'elezione alla presidenza di Confindustria, è stato vicepresidente degli industriali con delega alla ricerca e all'innovazione con ottimi risultati. La sua morte arriva a 76 anni e dopo aver lottato a lungo contro una malattia che non gli ha lasciato scampo.

"Giorgio Squinzi non c'è più. L'Italia e l'Europa perdono un grande imprenditore, un visionario che ha esportato nel mondo il nostro saper fare. Ho condiviso con lui tante battaglie per difendere l'industria. Ciao Giorgio,ci mancherai! Riposa in pace fra le braccia del Signore", ha scritto su Twitter Antonio Tajani. Gli ha subito fatto eco Matteo Salvini: "Onore a un grande uomo, un grande imprenditore, un grande sportivo, un grande Italiano".

Anche Carlo Rossi, presidente del Sassuolo, piange la scomparsa di Giorgio Squinzi con l'Adnkronos: "L'ho saputo da pochi minuti, sono scosso e devo riordinare le idee. Non riesco a parlare".

A distanza di qualche minuto anche il Milan ha espresso il suo dolore per la morte di Squinzi: "Giorgio Squinzi, un grande uomo d'industria e sport, un dirigente illuminato e appassionato, da ricordare e onorare. Il cordoglio di tutto il Milan è commosso e rispettoso nei confronti del presidente del Sassuolo. Sentite e sincere condoglianze rossonere alla sua famiglia".