Cronache

Hitler sbagliò la firma sul decreto della Gestapo

La firma di Hitler sul decreto di creazione della Gestapo era sbagliata, dunque non valida. Lo ha scoperto l’Archivio di Stato prussiano, che ha individuato il documento con la firma cancellata del Fuhrer, sostituita correttamente da quella di Hermann Goering

Hitler sbagliò la firma sul decreto della Gestapo

La firma di Adolf Hitler sul decreto di creazione della Gestapo era sbagliata, dunque non valida. Lo ha scoperto l’Archivio di Stato prussiano, che ha individuato il documento con la firma cancellata del Fuhrer, sostituita correttamente da quella di Hermann Goering, all’epoca governatore con funzioni anche di ministro dell’Interno della Prussia. Il 26 aprile 1933, quasi tre mesi dopo l’avvento di Hitler al potere il 30 gennaio, era stata promulgata la legge, contenente solo quattro articoli, che creava la famigerata polizia segreta di Stato, la Gestapo. La dicitura recitava che "con il presente atto viene promulgata la legge decisa dal ministero di Stato prussiano", a cui seguiva la firma "Reichskanzler", con sotto quella autografa di Hitler. Dal documento emerge però che la firma del Fuhrer risulta cancellata con tre tratti di penna, con l’aggiunta della dicitura "per il cancelliere del Reich" e la firma corretta del primo ministro prussiano Goering. Per il direttore dell’archivio prussiano, Paul Marcus, la cancellazione della firma di Hitler e la sostituzione con quella di Goering stanno a dimostrare "la disinvoltura dei nazisti nei riguardi della legge".

Commenti