Galli perde le staffe in tv: "Non ho avuto il vaccino. Uno scandalo"

Il primario del reparto di malattie infettive dell'ospedale Sacco di Milano si è sfogato in diretta per non aver ancora ricevuto il vaccino contro l'influenza, nonostante la sua età e professione

Massimo Galli è uno degli ospiti più assidui della versione domenicale del programma di Myrta Merlino in onda su La7. Il primario del reparto di malattie infettive dell'ospedale Sacco di Milano, uno di quelli in prima linea contro l'emergenza coronavirus, è intervenuto quest'oggi per parlare dei vaccini e ha fatto emergere una delle contraddizioni più gravi di questo periodo storico e, in particolare, dell'attuale momento dell'epidemia. Mentre il governo e gli esperti, tra i quali lo stesso Galli, spingono affinchè ci sia una diffusione rapida e massiccia dei vaccini antinfluenzali, almeno per i soggetti più deboli ed esposti, proprio il primario pare non abbia ancora ottenuto la sua dose.

"Ho 69 anni, faccio l'operatore sanitario e non ho ancora ricevuto il vaccino antinfluenzale. Uno scandalo", sbotta Massimo Galli. Nella sua affermazione ha messo in evidenza due validissimi motivi che lo renderebbero a tutti gli effetti uno dei soggetti con massima priorità per la ricezione del vaccino antinfluenzale. Il primario dell'ospedale Sacco di Milano, infatti, è un over 65 e quindi per motivi anagrafici è considerato un soggetto debole. Inoltre, vista la sua professione, è da considerare a tutti gli effetti uno dei soggetti più esposti. Unendo le due motivazioni appare chiaro lo stupore del medico nel non poter ancora accedere alla vaccinazione contro l'influenza, ora che si avvicina il periodo più critico per l'insorgere dei mali di stagione. Da più parti si evidenzia come quest'anno sia necessario coprire le fasce più deboli e vulnerabili in modo tale da non avere eccessive sovrapposizioni di casi di coronavirus e di influenza stagionale, che potrebbero congestionare gli ospedali in un prossimo futuro più di quanto non abbiano fatto durante la prima e la seconda ondata.

La conduttrice in studio è rimasta senza parole davanti all'affermazione del professor Galli e ha voluto capire di più, informandosi su quale fosse la strada intrapresa dal primario dell'ospedale Sacco per ottenere la vaccinazione. "Io sto disciplinatamente aspettando di averla nel mio ospedale e non sono ancora riuscito ad averla. Ho grande rispetto del mio collega che è responsabile di questa cosa e mi auguro le abbia ricevute venerdì le vaccinazioni. Non l'ho sentito, ma fino a giovedì non aveva ricevuto i vaccini", ha esclamato Massimo Galli, con una Merlino sempre più basita che, a mezza voce, ha commentato: "Ma è una follia... Una follia totale". Chiara l'alterazione del medico nel raccontare il suo disappunto a una conduttrice rimasta senza parole.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Trinky

Trinky

Lun, 23/11/2020 - 10:21

Strano, io come ho telefonato per prenotare la vaccinazione mi hanno dato subito l'appuntamento. Si vede che lui pretende che gli si consegni il vaccino in mano ma la cosa è difficile perchè lui sta sempre nelle varie TV.......Dove glielo portano?

Ritratto di bandog

bandog

Lun, 23/11/2020 - 10:36

non sei l'unico!!!comunque servono ma nessuno è indispensabile, specialmente di sinistra!!!

Ritratto di Lupry

Lupry

Lun, 23/11/2020 - 10:39

Glielo fanno arrivare in tv.....

NoSantoro

Lun, 23/11/2020 - 10:44

Non c'è nulla di strano: Regione Lazio, provincia Roma, 77 anni, 2 patologie, fatta richiesta al mio medico curante l'8/10, definito in attesa di vaccino, sollecitato il 2/11 e il 16/11, ancora in attesa. Pensandoci meglio, qualcosa di strano c'è!!

NoSantoro

Lun, 23/11/2020 - 10:48

....e sono a conoscenza di almeno altri 3 casi simili.

simonetta della...

Lun, 23/11/2020 - 10:51

Telefonato al numero verde il 26 ottobre, preso appuntamento per il 3 novembre ore 11.00. Data, orario rispettati. Effettuato antinfluenzale e antipneumoccocco. Ça va sans dire.....

Ritratto di anticalcio

anticalcio

Lun, 23/11/2020 - 11:14

nel veneto vaccino a seduta stante..gratis..pe r tutti.gallo...aggiornati!!il 68 è passato da un pezzo

carpa1

Lun, 23/11/2020 - 11:18

Tutto per buttare fango, tipico dei sessantottini, sulla SUA e MIA Lombardia (di cui non condivide ovviamente la gestione di cdx) quando il vaccino, da buon medico, non avrà certo avuto difficoltà a procurarselo e se lo sarà già self-inoculato. Anche a me e mia moglie, a differenza degli ultimi anni quando era il medico a prendere le prenotazioni ed inoculare poi le vaccinazioni per tempo, non è ancora dato di poterla fare, ma non siamo a piangere in TV. In ogni caso, dopo tutte le insistenze a farsi vaccinare contro l'influenza stagionale per cercare di rendere più agevole il riconoscimento tra i due tipi di infezioni (stagionale e covid) era ovvio che il numero di richieste sarebbe aumentato considerevolmente rispetto agli anni passati e, questo, sarà certamente avvenuto anche nel resto del mondo riducendone la disponibilità: basta frignare!

florio

Lun, 23/11/2020 - 16:59

Ma certo, tutti credono che il prof. Galli sia in attesa del vacino influenzale. Come ha spiegato bene il lettore carpa1, il sessantottino Galli dichiarato di fede sinistra, vergognosamente punta il dito sulla Regione per i ritardi dei vaccini, come se la colpa di tutto il disastro Nazionale fosse da imputare solo alla Lombardia. Nessun commento sulla sanità disfatta negli ultimi dieci anni dal governo Monti in poi, guarda caso governi di sinistra, la gestione del governo sulla Sanità da Marzo in poi, mutismo e rassegnazione prof. Galli, i compagni non si toccano.