Urla, sputi e insulti dai detenuti. I Bianchi: "Beviamo solo acqua?"

Nuovi testimoni pronti a inchiodare i quattro accusati dell'omicidio del 21enne Willy Monteiro Duarte

Erano stati appena arrestati dai carabinieri quando i fratelli Bianchi, Gabriele e Marco, hanno chiesto: “Ma adesso saremo costretti a bere l'acqua di rubinetto?”. Willy Monteiro Duarte era stato poche ore prima picchiato a morte e l’unica preoccupazione dei due accusati era sapere se da quel momento avrebbero bevuto solo acqua del rubinetto.

Fratelli Bianchi: "Da adesso solo acqua del rubinetto?"

Secondo quanto riportato da Il Messaggero, sarebbe questa la domanda che hanno fatto i due fratelli poco prima di entrare nel carcere romano di Rebibbia. Per loro, fissati con la cura del proprio corpo, l’idea di non poter bere acqua minerale deve essere sembrato terribile. Ma i loro problemi in questo momento sono ben altri. Con Mario Pincarelli e Francesco Belleggia, i due sono accusati dell’omicidio di Willy, il 21enne morto la notte tra il 5 e il 6 settembre in piazza a Colleferro, zona a sud della Capitale.

Nella mattinata di oggi, lunedì 14 settembre, Mario e Massimiliano Pica, gli avvocati dei Bianchi e di Pincarelli, presenteranno il ricorso al Riesame contro l’ordinanza di custodia cautelare in carcere. I legali cercheranno di confutare le ragioni che hanno portato a cambiare il capo di imputazione da omicidio preterintenzionale a volontario. Sarà quindi compito del Riesame decidere se rigettare la richiesta o accoglierla. In quest’ultimo caso i tre assistiti potrebbero avere i domiciliari. Fino a questo momento Francesco Belleggia è l’unico ad aver avuto gli arresti domiciliari dopo che aveva svelato il patto del silenzio avvenuto sull’Audi Q7, subito dopo la morte di Willy.

Gli avvocati Pica nei giorni scorsi avevano chiesto al giudice e ai vertici del Dap, la Penitenziaria, di tenere conto delle circostanze dell'arresto e dei rischi connessi. Il loro fine è quello di tutelare l'incolumità dei loro assistiti "che hanno diritto a una giusta detenzione”. Il timore è che vi possano essere nei loro confronti manifestazioni di odio e rappresaglie da parte di altri detenuti. Come riportato da Il Messaggero, al loro passaggio in carcere ci sarebbero stati sputi, accompagnati da urla: "Non vi vogliamo". Rebibbia è un carcere dove di solito arriva chi è già stato condannato, ma in tempi di Covid, ospita anche coloro che sono in attesa di giudizio.

Nuovi testimoni

Intanto nuovi testimoni si sarebbero presentati in modo spontaneo ai militari per raccontare quanto visto la notte del pestaggio. Esaudendo in questo modo la richiesta del primo cittadino di Colleferro, Pierluigi Sanna. Il sindaco aveva fatto appello a chiunque avesse visto qualcosa di farsi avanti e parlare. E, nel caso, di testimoniare nell’aula di tribunale. Sarebbero circa una quindicina i testimoni che hanno deciso di presentarsi in caserma, sia giovani che adulti, uomini e donne. Tra questi ci sarebbero anche i buttafuori dei locali presenti in zona che erano accorsi appena sentite le urla. Le varie testimonianze coinciderebbero. Tutti gli indagati sarebbero stati visti picchiare Willy. Nessuno escluso. I fratelli Bianchi, secondo quanto emerso, appena scesi dall’auto avrebbero iniziato a sradicare i cestini dell’immondizia e a sferrare pugni e a dare prova di mosse di arti marziali. “La famiglia del ragazzo non cerca vendette, né clamore, solo giustizia. Noi contiamo che il processo inizi entro dicembre” ha reso noto l’avvocato Domenico Marzi.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

aldoroma

Lun, 14/09/2020 - 11:07

Ergastolo

Ritratto di vince50_19

vince50_19

Lun, 14/09/2020 - 11:13

Oh poveri: portate loro un paio di bottiglie di "Don Carlos primero", di riserva pregiata, mi raccomando ..

Ritratto di pendra

pendra

Lun, 14/09/2020 - 11:17

Invece di blaterare frasi inutili e insensate cercando di blandire la pietà e la compassione (che non avete avuto nei confronti di Will)dell'opinione pubblica cercate di Chiedere Perdono per la Ferocia e la Bestialità del Crimine che avete commesso e di smettere di Mentire confessando e ammettento le vostre colpe. Assassini.

guardiano

Lun, 14/09/2020 - 11:31

Ergastolo ma con dieci ore di lavoro giornaliero per guadagnarsi vitto e alloggio.

maxfan74

Lun, 14/09/2020 - 11:32

La Legge in Italia non esiste. Pene certe e profonda durezza. Se sbagli ti devo far passare la voglia di essere venuto al mondo.

Tannino

Lun, 14/09/2020 - 11:39

No, no, questi devono restare in carcere. Ricevono minacce? Ma come, non erano dei duri? Degli "Scarface"? Non sono dei lottatori di MMA? Ebbene, imparino a stare al mondo. Forse che sia questa la loro giusta punizione, ai livelli del "contrappasso" dantesco. Che nessuno li tolga dal carcere. Sì dice che il carcere è volto alla rieducazione del condannato: quale migliore lezione di vita? È il primo di molti passi. Questo ragionamento dovrebbe valere per ogni carnefice, perché l'unico modo in cui si può indurre a rispettare le leggi, è tramite l'effetto deterrenza, che si ottiene solo mediante la certezza della pena ed il giusto processo. Solo il sano timore delle conseguenze, induce al rispetto delle regole. Se invece vige la sensazione che si viva in uno Stato che non persegue adeguatamente i reati (ma anche le semplici infrazioni), si diffonde la convinzione di impunità o semi impunità, dove le conseguenze vengono avvertite come minori o comunque accettabili, rispetto al reato (o l'infrazione) commesso.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Lun, 14/09/2020 - 11:56

La stessa pena di chi ha squarciato la ragazza a Macerata. Troppo poco?

titina

Lun, 14/09/2020 - 12:11

neppure in ospedale danno l'acqua minerale ai malati, se la facciano portare dai genitori.

Ritratto di stamicchia

stamicchia

Lun, 14/09/2020 - 12:17

Willy e la sua famiglia, che sta dando prova di grande dignità e amore, sono l’esempio migliore dell’Italia multiculturale, che è già una realtà e che lo sarà ancora maggiormente nel prossimo futuro.

Ritratto di cicciomessere

cicciomessere

Lun, 14/09/2020 - 12:25

Credo sia la prima volta che su qualsiasi forum , questo compreso, siano tutti daccordo . Gravissima colpa ha lo stato vorrei aggiungere , dove dei cani rabbiosi devono ammazzare qualcuo prima di essere fermati , con gia' una decina di episodi pregressi per lesioni.

maxxena

Lun, 14/09/2020 - 12:36

gent.mo @guardiano Lun, 14/09/2020 - 11:31 sono d'accordo, non violenza, ma tanti secchielli di sudore da lavoro. Putroppo in questo momento qualche anima "buona" in qualche associazione, sta preparando i cestelli di acqua minerale, raccogliendo fondi per l'acquisto di un purificatore per l'acqua del rubinetto, organizzando il percorso di recupero e l'immancabile impiego al termine dei 2 anni di galera che patteggeranno con un magistrato sensibile alle problematiche di questi personaggi.

Ritratto di nowhere71

nowhere71

Lun, 14/09/2020 - 12:38

"Sigg. Bianchi, vi parla il Direttore e vi do' il benvenuto nel carcere di Rebibbia, ci spiace molto per gli sputi e gli insulti che avete ricevuto, provvederemo al piu' presto ad identificare gli aggressori e a punirli severamente. Oltre ad una stanza singola, avete detto di desiderare dell'acqua minerale senza indicare quale marca, vi prego di farmelo sapere perche' vi venga fornita al piu' presto. Ricordate che lenzuola e asciugamani vengono cambiati e lavati due volte al giorno, ma se desiderate essere ecologici potete indicare al servizio pulizie di ritirarli solo una volta al giorno. La palestra per allenare le tecniche di MMA e' fruibile tutti i giorni dal lunedi' alla domenica, qui non abbiamo un maestro di MMA ma se lo richiedete faro' in modo di farvene avere uno, magari il vostro. Bene, ora vi faccio vedere le vostre camere e vi auguro una buona permanenza. Se avete ulteriori richieste non esitate a chiamarmi al mio cellulare personale".

Ritratto di mbferno

mbferno

Lun, 14/09/2020 - 13:00

@Nowhere71....prospettiva a dir poco inquietante......:-)

ciccio_ne

Lun, 14/09/2020 - 13:13

questo è sintomatico del fatto che per essere violenti non è necessario essere 'gnurant, ma aiuta.

Rcorvaglia230

Lun, 14/09/2020 - 13:52

il 17 ottobre del 1931 una giuria popolare giudicò colpevole Al Capone per evasione fiscale:pensate un malavitoso colpevole e mandante di decine di omicidi, è stato possibile arrestarlo per evaione fiscale. Se in Italia avessimo dei procuratori come quello che ha incastrato Al Capone (Italiano sigh!), avremmo molto meno malavitosi in giro. Dicono che questi fratelli conducessero una vita lussuosa senza una precisa titolarità reddituale Ma allora la GDF e/o l'Agenzia delle entrate perchè non funzionano come di dovere? Del resto i malavitosi sono propensi ad ostentare il loro essere agiati, ostentazione spesso anche di pessimo gusto. Verifiche, controlli mirati: Se uno va in giro con la Q7 e non ha redditi di rilevanza, va controllato, e se dichiara che l'auto o i beni che usa non sono suoi, si accerti la provenienza di quei beni ed a che titolo questi sono nella disponibilità di queste persone senza reddito.

anna.53

Lun, 14/09/2020 - 13:58

Creando percorsi (educativi e di giustizia) meno lassi e volti a maggior tutela per la società, nei confronti di questi e altri soggetti che si sono già segnalati in precedenza per prevaricazioni e gesti ripetuti di violenza (chiamati a torto reati "minori" ) , avremmo forse potuto evitare lo scempio successivo di vite umane innocenti.

Ritratto di stamicchia

stamicchia

Lun, 14/09/2020 - 14:10

@nowhere71, non faccia il Maramaldo: sono già in galera, probabilmente vi marciranno per gran parte dei giorni che restano loro da vivere, probabilmente non avranno molte persone che gli vorranno bene, lì dentro. Non credo che godranno dei trattamenti di cui lei ironizza e, quant’anche fosse, il carcere non è comunque mai un hotel a cinque stelle. Il livello di civiltà di un popolo si misura anche dalla maniera in cui tratta i suoi criminali. Prenda esempio dalla famiglia del povero Willy.

Capricorno29

Lun, 14/09/2020 - 14:15

Ahahahahah hanno paura? I leoni sono diventati conigli!!!!!! Ben gli sta anzi io li metterei insieme a qualcuno imparanoa fare gli sbruffonie i prepotenti ...sono senza vergogna

pensaepoiagisci

Lun, 14/09/2020 - 14:20

Pena giusta e proporzionale alla morte e sofferenza inferta al povero Willy..30 anni di soggiorno penitenziario !

Alitar

Lun, 14/09/2020 - 14:22

La società multiculturale, costruzione artificiale imposta agli italiani costretti a convivere in casa propria con etnie e culture estranee e perfino ostili, è all'origine di questo delitto. Gli axxxxxxxxi ad oltranza ne sono moralmente responsabili. Se l'immigrazione fosse stata filtrata col contagocce invece di essere un'invasione senza freni del nostro territorio non ci sarebbe stato nessun Willy e, soprattutto, nessuna Pamela né Desirée.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Lun, 14/09/2020 - 14:31

Mi sa tanto che l'acqua del rubinetto la beva solo io,intanto pago le tasse per farti avere l'acqua minerale in bottiglia in carcere.Meritate l'ergastolo solo per aver fatto gli sbruffoni con isoldi, quando tanta gente si sacrifica.

Malacappa

Lun, 14/09/2020 - 14:39

Cosa si aspettavano champagne

nopolcorrect

Lun, 14/09/2020 - 14:40

D'ora in poi solo acqua di rubinetto,niente acqua minerale, niente vini, niente birra, niente liquori . Una vita intera a bere acqua del rubinetto.

Ritratto di mbferno

mbferno

Lun, 14/09/2020 - 14:56

Ma come? Con quello che rischiano li dentro,si preoccupano di cosa berranno? Certamente gli alcolici ve li scordate. E molto altro. Riprova del bassissimo livello intellettivo di questi pessimi bulli di periferia,che quando usciranno,se usciranno,non saranno più come prima. Anche fisicamente.

Ritratto di pipporm

pipporm

Lun, 14/09/2020 - 15:02

Si aspettavano di stare forse al Papete??

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Lun, 14/09/2020 - 15:06

Egregi fratelli forse il carcere non era previsto nei vostri pensieri.Ma non preoccupatevi ci saranno tanti neri che vi vogliono bene,e forse imparerete a stare dall'altra parte.Auguri di buona permanenza.

Ritratto di sr2811

sr2811

Lun, 14/09/2020 - 15:53

Basta strumentalizzare questa storia che non è certo l'unica successa. La vera giustizia è data dalla severità e dalla Certezza della pena in base al reato fatto e non per il colore della pelle, solo questo conta tutto il resto solo chiacchere...

d'annunzianof

Lun, 14/09/2020 - 15:53

Chissa` perche` le carceri Italiane sono piene di africani e mussulmani. Quanto ci costa all'anno ogniuno di queste preziosissime risorse?

Ritratto di mbferno

mbferno

Lun, 14/09/2020 - 16:16

@Gianniverde...ottimo post,sarcastico al punto giusto.

Ritratto di stamicchia

stamicchia

Lun, 14/09/2020 - 16:37

@d'annunzianof, è un errore estrapolare la distribuzione dei reati tra la popolazione, avendo come punto di partenza la composizione della popolazione carceraria. Le "risorse", come le chiama lei con disprezzo stravolgendo il senso originario che la parola "risorse" ha e che condivido appieno, non possono permettersi un buon avvocato. Veda, in carcere ci stanno non solo gli immigrati ma anche i poveri, quelli che hanno rubato una borsa, un portafoglio e sono magari recidivi. Entrambi sono accumunati dal fatto di non potersi permettersi un buon avvocato o di non avere un posto dove scontare gli arresti domiciliari. Le carceri sono piene di stranieri e poveri per questo motivo. I ricchi, invece, non ci stanno in carcere. La prova sta nel fatto che chi fa sparire 49 miliardi, chi sottrae ingenti patrimoni al fisco, chi fa bancarotta fraudolenta, al massimo si fa qualche giorno di domiciliari, perché lì il domicilio dove trascorrere la detenzione c'è, ed è pur moooooolto confortevole.

Raffaello13

Lun, 14/09/2020 - 16:51

Giusto l'arresto e la detenzione, fa schifo il linciaggio mediatico prima della chiusura delle indagini, che falserà irrimediabilmente le testimonianze, visto che tutti i notiziari hanno già sentenziato la condanna! E' così per tutti i processi con CLAMORE televisivo e mediatico, come ad Avetrana, a Perugia, da Yara,... e poi ci si scandalizza se nON si sa MAI la Verità. Questa è accertabile nei primi giorni, ascoltando i Testimoni in riservatezza, senza suggerimenti dei 200 servizi gionalistici televisivi che sparano le loro storie a tutte le ore! ITALIA senza Giustizia, e questo NON per tutelare i criminali, ma A OGNUNO IL SUO!

Gio56

Lun, 14/09/2020 - 16:52

pipporm,eh,anche oggi non ha resistito......