I migranti "scappano" da Salvini. E il centro profughi va agli anziani

La villa di Castenedolo ospitava 25 migranti. Ora non ci sono più e per una volta gli anziani possono "sfrattare" i profughi: la proprietà pensa alla nascita di una casa famiglia

I migranti "scappano" da Salvini. E il centro profughi va agli anziani

A Castenedolo, in provincia di Brescia, di migranti ce ne sono sempre meno. "Colpa del nuovo decreto sicurezza. Salvini li fa scappare", spiega a Libero Marco Riva, uno degli albergatori bresciani che si sono impegnati nell'accoglienza degli immigrati. La villa del paese ospitava 25 richiedenti asilo tra terrazzi, giardini e piscina. Ma da quando il governo ha imposto una stretta sull'accoglienza e gli sbarchi si sono ridotti al lumicino, i 900 metri quadri sono diventati superflui. Ed ora sono vuoti.

Adesso che i migranti non ci sono più, la villa potrebbe essere dedicata agli anziani. La proprietà, secondo quanto scrive Libero, avrebbe "già un piano approvato da Ats e Comune per trasformare il vecchio centro accoglienza in una casa famiglia per anziani con almeno 23 i posti letto". Insomma, se così fosse si tratterebbe di un cambiamento non di poco conto.

"Gli stranieri scappano per paura delle decisioni del governo - ha spiegato Riva -. Oltre a Castenedolo abbiamo chiuso anche i centri di Castegnato, Vione, Nuvolento e Borgo Poncarale. Tutti svuotati perché non ci sono più richiedenti da ospitare". In fondo a Brescia e provincia nelle ultime settimane sarebbero stati almeno 20 i centri profughi che hanno chiuso i battenti.

Commenti