I sovranismi incrociati che ci strangolano

Per qualche settimana la mancanza del nemico ha azzittito la parte della politica che vive solo di quello

Per qualche settimana la mancanza del nemico ha azzittito la parte della politica che vive solo di quello. Il nemico attuale, il virus, è talmente enorme che nessuno ha osato cercarne altri. Ma come insegna Ennio Flaiano, anche il marziano in giro per Roma dopo un po' viene a noia. Così il dibattito sugli eurobond ha subito riacceso gli animi degli euroscettici, per usare un eufemismo. Il che, intendiamoci, non sarebbe un male in assoluto: le voci che si alzano, da giorni, a favore di un'Europa solidale sono le più diverse. Basta citare Mario Draghi, non esattamente un estremista nazionalista, che si è esposto sulla necessità di poter fare più debito.

E sono in tanti quelli che, da posizioni autorevoli del sistema finanziario ed economico italiano ed europeo, considerano la reazione comunitaria alla pandemia come il banco di prova per il futuro dell'ideale stesso di un'Europa unita. Lo ha detto chiaramente, ieri sul Giornale, Gregorio De Felice, il capo economista della prima banca italiana, Intesa Sanpaolo. A ben guardare, infatti, il tema non è Europa o non Europa; euro o fuori dall'euro. Il punto è che l'Unione europea nasce per difendere i suoi cittadini, renderli più forti nel mondo, fornire loro una sicurezza in più rispetto a quella che si ha dentro ai confini nazionali.

Se di fronte alla pandemia l'Unione non riesce ad aiutare i suoi cittadini più sofferenti, a «unirli», per l'appunto, allora significa che non esiste. E questo proprio perché al suo interno prevalgono i sovranismi. Cioè quegli stessi sentimenti ideologici, politici o elettorali che minacciano di voler uscire dall'Unione o dall'euro.

Quando Matteo Salvini si scatena e dice: «Dedico un pensiero di schifo e vergogna all'Europa, si sono presi 15 giorni di tempo per decidere, perché a Berlino e Bruxelles non hanno capito che la gente sta morendo»; aggiungendo poi che «questo è un covo di serpi e sciacalli. Prima sconfiggiamo il virus, poi ripensiamo all'Europa. E, se serve, salutiamo. Senza neanche ringraziare».

Quando Salvini si esprime così reagisce, a modo suo, alle chiusure di alcuni Paesi - come Austria e Finlandia, guidati dall'Olanda, sostenuti dalla Germania e fuori dall'eurozona seguiti da Ungheria e Polonia - di fronte a provvedimenti in deficit, a debito e soprattutto agli eurobond.

Ma dimentica, Salvini, che a ispirare la linea di questi Paesi è lo stesso nazionalismo che alimenta il consenso della Lega e degli altri movimenti antieuropeisti.

Proviamo a ribaltare la situazione e a pensare a un'Italia senza troppi Btp, a un'Olanda superindebitata e ad alcuni ricchi «lander» tedeschi dove si muore come in guerra per il virus: siamo sicuri che i nazionalisti di noialtri non farebbero le stesse pressioni per evitare di spendere i nostri soldi per aiutare i cittadini di Utrecht o di Amburgo?

Sono le due facce del sovranismo, uguali e contrarie. Entrambe letali per gli ideali e il futuro di un continente geografico, politico ed economico.

Come e più del virus.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

lorenzovan

Lun, 30/03/2020 - 17:45

chi di sovranismo vive..,.di sovranismo ..perisce

venco

Mar, 31/03/2020 - 11:59

Il sovranismo è volontà popolare, cioe è vera democrazia.

trasparente

Mar, 31/03/2020 - 12:23

Il virus è un diversivo, e qualcuno sta lavorando per i suoi interessi.

Ritratto di Nahum

Nahum

Mar, 31/03/2020 - 13:59

Per una volta un articolo intelligente, la somma dei sovranismi peggiora la,vita dei popoli e non permette alcun progresso umano ...

Ritratto di Nahum

Nahum

Mar, 31/03/2020 - 14:25

Venco, ma prima di scrivere che cosa fumi? Populismo e sovrani non sono democrazia ma un sotto,prodotto pericoloso e dannoso

Ritratto di Opera13

Opera13

Mar, 31/03/2020 - 16:00

Sovranismo non e populismo. Il male si chiama Mondialismo criminale ed Europeismo irresponsabile in questo continente. Siamo diventati una grande famiglia "democratica" globale, integrata, dipinta, intimidita e sotto sorveglianza. Poi c'e chi parla ancora di appartenenza destra e sinistra. Questo virus e' solo l'inizio di una serie e la dimostrazione che possono fermare e controllare miliardi di persone quande vogliono.

ohibò44

Mar, 31/03/2020 - 16:26

Il punto non è che alla resa dei conti sono tutti uguali, ueani e antiueani, il punto è che gli ueani sostengono che siamo una nazione unica, siamo fratelli e poi ci sbattono la porta in faccia senza vergognarsi mentre gli antiueani la porta le tengono chiusa essendone convinti e non facendo i 'buoni' vantandosi di volerla aperta per il bene comune: non so chi ha ragione ma è chiaro chi mente spudoratamente