Da immigrati sempre più reati. Boom di crimini degli stranieri

I dati diffusi dal Viminale fino a giugni del 2018: 136.876 stranieri denunciati o arrestati. Sono il 31,9% del totale in Italia

Da immigrati sempre più reati. Boom di crimini degli stranieri

I dati dimostrano che l'emergenza c'è e, se possibile, va pure affrontata. I reati degli stranieri non stanno diminuendo, ma sono in crescita. Lo dicono i freddi numeri. Oggi dal ministero dell'Interno ha diffuso le statistiche sui reati commessi in Italia nel 2018. O meglio, nei primi sei mesi di quest'anno. Bene. Cosa emerge? Che tra l'1 gennaio e il 30 giugno del 2018 sono state denunciate e/o arrestate 429.506 persone, di cui 136.876 stranieri (il 31,9% del totale). E già questo potrebbe portare ad una prima riflessione: secondo l'Istat la popolazione straniera nel Belpaese si aggira intorno all'8%. Ma se tra i criminali la percentuale sale fin quasi al 32%. Ma andiamo a vedere il confronto con il 2017. L'anno scorso, sempre nei primi sei mesi, le persone denunciate o arrestate erano state 464.784, di cui 127.264 stranieri (il 27,4%). Quindi il gab è del +4,5%. Si tratta di un trend in parziale controtendenza rispetto al dato degli ultimi tre anni: nel 2015 la percentuale di stranieri denunciati/arrestati era pari al 31,4% del totale per poi scendere al 29,2% nel 2016 e al 29,8% l'anno scorso. Tra i reati contestati agli stranieri risultano in crescita violenze sessuali (+5,7%), rapine (+5,7%), furti (+5,1%), truffe e frodi informatiche (+4,3%) e quelli legati agli stupefacenti (+5,2%).E pensare che mentre i reati degli stranieri aumentano, quelli generali sono in riduzione. Nei primi sei mesi del 2018, rispetto allo stesso arco di tempo dell'anno precedente, sono diminuiti del 7,5% il numero totale dei denunciati e arrestati e sono calate le rapine (-5,5%), le estorsioni (-9,1%), i furti (-8,1%) e i reati legati agli stupefacenti (-3,3%). Unica nota negativa, le violenze sessuali, che nell'ultimo anno sono cresciute del +6,1%.