In Italia 3 milioni e mezzo di minori sono a rischio povertà

Sei Paesi in Europa dove oltre un terzo dei minori è a rischio: e uno è il nostro

Se non è povertà, è esclusione sociale. I numeri li fotografa un rapporto pubblicato da Eurostat e non hanno nulla di positivo. Sono oltre tre milioni e mezzo i minori, in Italia, a rischio, una percentuale non irrisoria del totale europeo.

Nell'Unione Europea sono infatti venticinque milioni i bambini e ragazzi sotto i 17 anni che rischiano. Si parla del 26,9% del totale, tenendo conto di tre criteri di valutazione, in base al quale il rapporto è stato stilato: la povertà dovuta a cambiamenti sociali della famiglia, una situazione di privazione materiale grave e l'appartenenza a una famiglia in cui manca il lavoro o è precario.

Se i dati sono in leggera diminuzione rispetto al 2010, quando la percentuale era pari al 27,5%, in Italia si evidenzia però un aumento, dal 29,5% del 2010 al 33,5% l'anno scorso. Sono sei i Paesi - compreso il nostro - in cui più di un terzo dei minori sono a rischio. A farci compagnia in questa infelice classifica Romania (46,8%), Bulgaria (43,7%), Grecia (37,8%), Ungheria (36,1%), e Spagna (34,4%).

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

lorenzovan

Mer, 16/11/2016 - 12:54

anticamente si diceva...poveri ma belli...oggi occorre cambiare...poveri ma coll'IPOD...lololol

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mer, 16/11/2016 - 14:53

Tranne i minori dei clandestini, per cui a loro è tutto dovuto.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mer, 16/11/2016 - 14:55

Sempre per il principio di uguaglianza indetto dai sinistri