Le toghe spalancano le porte Permessi per il rischio Covid

Farà sicuramente discutere la decisione del tribunale di Napoli in merito al ricorso presentato da un cittadino pakistano

Con il Paese ancora in piena emergenza Coronavirus, una situazione resa in queste settimane ancora più insidiosa a causa del netto incremento dei casi di clandestini positivi agli esami del tampone faringeo, arriva una sentenza da parte del tribunale di Napoli che potrebbe creare un precedente tale da impedire il rimpatrio degli irregolari anche per questioni di carattere sanitario.

Decisione che certamente farà discutere a lungo, anche perchè il continuo afflusso di clandestini che sbarcano numerosi sulle coste italiane sta continuando a produrre un preoccupante sovraffollamento negli hotspot più interessati (oramai la situazione di quello di contrada Imbriacola a Lampedusa è ben nota) e casi simili a quello trattato dal tribunale di Napoli continueranno a moltiplicarsi. La soluzione delle navi quarantena, che ha comportato un pesante dispendio per le casse del Paese, reso ancor più gravoso dalla già durissima crisi economica provocata dal Coronavirus e dal conseguente lockdown, rimarrà un fuoco di paglia se il numero degli sbarchi dovesse proseguire col pesante ritmo registrato nel mese di luglio.

Ciò nonostante proprio l'emergenza Covid diventerà un valido motivo per riconoscere il permesso di soggiorno per ragioni umanitarie anche ai clandestini. Tutto ha origine da una decisione del tribunale di Napoli, per la precisione della Sezione incaricata di pronunciarsi nel campo dell'immigrazione, datata 25 giugno. Protagonista un cittadino pakistano, che si era appellato per opporsi ad un rientro in patria paventando ragioni di sicurezza personale. Al diniego della Commissione territoriale aveva fatto seguito anche quello dei giudici, i quali avevano ritenuto il racconto di dubbia credibilità. Tuttavia a cambiare le carte in tavola erano state invece la motivazioni connesse al rischio epidemia e quelle della possibilità concreta di non ricevere cure mediche adeguate in Pakistan.

Attingendo proprio dai dati ufficiali del paese dello straniero (in un bollettino governativo del 18 maggio si parlava di 42712 contagiati, 29300 casi attivi, 11922 cittadini ricoverati e 903 decessi) i giudici avevano ritenuto grave il livello di pandemia: a ciò si aggiunga che la regione del Punjab, da cui proveniva l'imputato, registrava 15346 casi. Non solo questo ha spinto, tuttavia, il tribunale a pronunciarsi in favore del pakistano. I giudici, infatti, hanno valutato in modo negativo il sistema sanitario del Pakistan: a causa delle privatizzazioni "i servizi sanitari per i poveri sono diventati scarsi", hanno detto, come riferito da "Il sole 24 ore".

Rispedire in patria l'uomo, che tra l'altro da tempo si trovava nel nostro Paese, significava metterne a rischio la salute, diritto che per i giudici deve sempre prevalere: ecco perchè il riconoscimento della protezione umanitaria, vista l'"estrema vulnerabilità" del soggetto è risultato il più adatto.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di giangol

giangol

Mer, 12/08/2020 - 17:05

e quindi dobbiamo pagare noi?????? no comment

venco

Mer, 12/08/2020 - 18:20

Abbiamo capito, per i magistrati è più importante la salute dei clandestini che quella degli italiani, robe da pazzi.

venco

Ven, 14/08/2020 - 10:11

Per i magistrati globalisti massoni vale più lo sconosciuto clandestino che il cittadino

TheExpatriate

Ven, 14/08/2020 - 10:18

Ipotesi in caso di un'eventuale seconda ondata (toccando ferro e gioielli di famiglia sperando che non ci sia): i posti in terapia intensiva nel giro di x chilometri sono esauriti (trasferimento non praticabile). Due sono occupati da 30enni clandestini sbarcati tre settimane prima. Arriva 60enne Italiano che ha pagato una vita per avere quella sanità che il PD vuol fare credere sia impossibile mantenere con un solo 5% di riduzione della pressione fiscale. Che succede? Quali saranno le indicazioni riportate su qualche dossier del governo? Quali indicazioni daranno i direttori sanitari eletti dalla politica?

Ritratto di mvasconi

mvasconi

Ven, 14/08/2020 - 10:42

Egregio TheExpatriate, sicuro di volere conoscere la risposta alla sua domanda? Se accade come ai pronto soccorso, lo standard sara': "Immigrant first", dove immigrant deve essere inteso come clandestino. E nulla cambiera' prima di riformare da zero la magistratura.

Ritratto di zanzaratigre

zanzaratigre

Ven, 14/08/2020 - 10:43

"Ragionando" come ha fatto il giudice di turno, magari in un prossimo futuro potremmo accogliere miliardi di cinesi e indiani visto che le loro Terre sono atmosfericamente le più inquinate al mondo con milioni di morti all'anno. Venite, venite c'è posto!

Giorgio Mandozzi

Ven, 14/08/2020 - 10:57

Chi fa le leggi in Italia? La magistratura? Allora chiudiamo il parlamento o cambiamo questa faziosa e corrotta magistratura. Dovrebbero solo applicare la legge e non interpretarla a piacimento e fini politici. Se i magistrati ritengono che dobbiamo accogliere tutti possiamo anche decidere di farlo con i soldi che spendiamo inutilmente per pagare i magistrati. Spese dell'accoglienza detratte dalle retribuzioni dei magistrati. Saranno contenti?

Sacramento

Ven, 14/08/2020 - 11:07

Questi sedicenti rappresentanti della legge decidono in tal senso, anche per l'accoglienza? Propongo loro un patto. Sono d'accordo, però tutte le spese di mantenimento e cure sono a totale carico vostro! Se il Vs reddito non è sufficiente, aggrediamo il patrimonio da voi posseduto? Vi sta bene?...dubito possano rispondere...

silvano45

Ven, 14/08/2020 - 11:10

Non mollano vogliono imporre il loro pensiero condizionare i politici forse uno per ottenere nuovi privilegi forse per lavorare ancora meno di quanto facciano forse per continuare a non rispondere dei loro numerosi incredibili errori unici nel mondo e dopo le intercettazioni e il loro vergognoso silenzio se questo non può essere considerato un attentato allo stato di diritto cosa è?

ItaliaSvegliati

Ven, 14/08/2020 - 11:21

Prima o poi scoppia tutto...

ItaliaSvegliati

Ven, 14/08/2020 - 11:22

Tira tira la corda ma prima o poi si spezza...e dopo si fanno i veri conti....

mimmo1960

Ven, 14/08/2020 - 11:23

Le toghe quando si occuperanno per la difesa dei nostri portafogli visto che sono anni che spendiamo per i migranti, vogliono tutelarci??

Ritratto di ex finiano

ex finiano

Ven, 14/08/2020 - 11:25

Qualcuno crede ancora nei giudici? Palamara docet!

sbrigati

Ven, 14/08/2020 - 11:31

Fintanto non ci sarà una netta distinzione sui compiti dei poteri ( legislativo, esecutivo e giudiziario ) senza intromissioni alcuna, l'Italia non potrà mai essere una democrazia compiuta.

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Ven, 14/08/2020 - 11:33

Spalancate le porte dei tribunali e fateli entrare,sono amici.

moichiodi

Ven, 14/08/2020 - 11:39

Le toghe odiano l’Italia e gli italiani.

Ritratto di mvasconi

mvasconi

Ven, 14/08/2020 - 11:53

Egregio gianniverde, guardi che gia' a Milano a febbraio i solerti amici in toga degli invasori clandestini erano estremamente preoccupati del contatto con i loro protetti...

Veterano

Ven, 14/08/2020 - 12:03

Questi giudici non capiscono che il COVID lo portano anche i migranti, per le condizioni di vita nei paesi d'origine, e anche lo trasmettono qui per le condizione di vite promiscue alle quali tanti di loro sono abituati. I giudici devono rispettare i cittadini Italiani che pagano le tasse, e anche il loro stipendio.

justic2015

Ven, 14/08/2020 - 12:04

E io continuo a dire che paese di ......

gianf54

Ven, 14/08/2020 - 12:29

Vediamo se, a settembre, gli Italiani hanno capito: vediamo COME votano.....

rocchetti

Ven, 14/08/2020 - 12:43

fino a poco fa pensavo che la magistratura si potesse e si dovesse riformare, ma ora non lo penso più, la magistratura va azzerata completamente e ne va istituita un'altra con regole e compiti diversi da quelli attuali; specialmente con compiti ben delimitati e leggi chiare, poi chi non le osserva scrupolosamente deve essere perseguito e nel caso condannato, non devono più essere ammesse interpretazioni cervellotiche, ma questa volta non ci si potrà limitare solo ad indignarsi, come facciamo oggi ma i comportamenti fuori dalle righe dovranno essere perseguiti magari da una autorità che dovremo inventarci di sana pianta; i giudici dovranno essere consapevoli che una decisione sbagliata avrà certamente conseguenze ma non decise da altri giudici loro colleghi e quindi amici. Forse in questi casi sarebbe opportuno, come in America una giuria popolare che emetta il verdetto.

Antibuonisti

Ven, 14/08/2020 - 12:51

quando i cittadini pecore non si rivoltano i lupi spadroneggiano

Malacappa

Ven, 14/08/2020 - 12:54

Le toghe spalancano le oorte....di casa loro spero

Ilsabbatico

Ven, 14/08/2020 - 14:14

A me e a altri AIRE dite che non abbiamo diritto alla sanità anche se siamo italiani e abbiamo pagato le tasse in Italia tutta la vita.....ma al Bangladesh ed altri extracomunitari invece riconoscete tutto.....

killkoms

Ven, 14/08/2020 - 14:25

Ma perché noi siamo esenti?

mimmo1960

Ven, 14/08/2020 - 15:18

Se non si fanno sentire le toghe si fa sentire la chiesa e noi chi siamo?? non abbiamo voce in capitolo??

Giorgio5819

Dom, 16/08/2020 - 12:57

Atto criminale contro gli italiani