Kenya, bimbo viene chiamato Donald Trump

Il terzo figlio di Felix Otieno e Lorna Akoth, che vivono nella regione occidentale di Kisumu (Kenya), è nato lo scorso 9 agosto. I genitori l'hanno chiamato Donald Trump. Molti non l'hanno presa bene

Dal Daily Nation
Dal Daily Nation

Il vezzo di mettere ai propri figli il nome di un presidente non è nuovo. Basti pensare che un certo Cristiano Ronaldo deve il suo nome alla stima che suo padre nutriva per Ronald Reagan. Ma veniamo ai giorni nostri. C'è un uomo, in Kenya, che ha chiamato suo figlio Donald Trump. Il terzo figlio di Felix Otieno e Lorna Akoth è nato lo scorso 9 agosto. "In quel momento - fa sapere il padre, intervistato dal Daily Nation - non ero ancora sicuro che Trump potesse ottenere questa sorprendente vittoria, ma ero convinto che l'imprenditore avesse ciò che serviva per essere un leader".

I genitori del piccolo Donald Trump Otieno hanno fatto questa scelta perché condividono i "principi" e la "franchezza" del tycoon. La cosa sorprendente è che questa famiglia vive nella regione occidentale di Kisumu, di cui è originario il padre di Barack Obama, da queste parti ancora idolatrato e considerato un patriota. Anche per questo i genitori del piccolo Donald Trump hanno ricevuto una marea di critiche dai vicini e sui social network.

Il signor Otieno apprezza particolarmente la capacità di Trump di rilasciare "dure dichiarazioni", nonostante le opinioni del pubblico. "Non ci sono molti politici sinceri come lui. Lo ammiro perché è un uomo che dice quello che pensa", spiega l'uomo. Anche la madre del piccolo ha elogiato quello che sarà il futuro inquilino della Casa Bianca: "È stato franco e ha mostrato fermezza. Ha detto la verità senza ricorrere alla propaganda o alle menzogne per ottenere voti. Lo adoriamo e per questo abbiamo chiamato nostro figlio come lui".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.