Orrore sulla compagna incinta: le botte a pochi giorni dal parto

Due anni di carcere per un 40 enne, ha aggredito la donna a pochi giorni dal parto

Orrore sulla compagna incinta: le botte a pochi giorni dal parto

È stato condannato a due anni di carcere un 40enne a Lecce. È accusato di lesioni, stalking e danneggiamento ai danni della sua compagna. L'avrebbe picchiata, almeno quattro volte, anche durante la gravidanza e, addirittura, a pochi giorni dal parto. A comminare la pena il gup Giovanni Gallo. L'uomo è stato processato con rito abbreviato.

L'uomo è finito sotto processo per un episodio del marzo scorso. Il 40enne salentino avrebbe raggiunto la donna vicino un pub e l'avrebbe aggredita, gettata a terra e minacciata di morte. Avrebbe poi, armato di coltello a serramanico, colpito il finestrino dell'auto sulla quale viaggiava la compagna, per poi ferirle il volto con la lama.

Non era il primo caso di violenza. Pare che l'uomo picchiasse la donna anche per futili motivi e che questo sia accaduto durante la gravidanza, come già detto.

Addirittura, all'ottavo mese di gestazione, la donna è stata strattonata e presa per i capelli. In quell'occasione se l'è cavata con una prognosi di dieci giorni. Fino ad arrivare a giugno scorso quando l'uomo è stato arrestato. Ora si trova nel carcere di Borgo San Nicola, a Lecce.

Commenti