Lecco, aggredisce agenti e tenta di rubare pistola: preso senegalese

Il 21enne, in possesso anche di cittadinanza italiana, era già sottoposto alla misura restrittiva di presentazione alla polizia giudiziaria: lunghissima la lista di precedenti di polizia alle sue spalle, nonostante la giovane età

Ha minacciato esplicitamente e quindi aggredito gli operatori della Security Trenord poi, rintracciato dagli uomini della Polfer di Lecco ha attaccato anche loro, tentando tra l'altro di impossessarsi di una pistola di ordinanza.

Il responsabile del gravissimo episodio è un pregiudicato senegalese di 21 anni, in possesso di cittadinanza italiana, che ha iniziato a rendersi protagonista di intemperanze a partire dal pomeriggio di giovedì.

Sono all'incirca le 16:30 quando il 21enne viene fermato per un controllo dagli operatori della Security Trenord. Con atteggiamento sprezzante, li ha aggrediti spintonandoli, e quindi ha rivolto nei loro confronti esplicite minacce di morte, prima di allontanarsi dagli uffici della Polfer e tirare un violento calcio contro la porta di ingresso.

Dal medesimo ufficio è stato diramato un ordine di cattura del 21enne, unitamente ad un identikit tracciato per rendere più semplici le operazioni di identificazione del responsabile. A poche ore di distanza dal primo episodio, verso le 18:50, sono stati proprio due agenti della Polfer di Lecco ad individuare il 21enne in via Centrone, strada che mette in collegamento la piazza della stazione e viale Matteotti.

L'ostilità del ricercato è stata forte fin da subito, dato che si è rifiutato di fornire i documenti, sostenendo di non esserne in possesso, e di identificarsi. I poliziotti lo hanno quindi condotto nuovamente negli uffici Polfer, ma qui si è verificato il secondo ed ancor più grave episodio di aggressione. Dopo aver insultato pesantemente gli uomini in divisa e rivolto nuove minacce, li ha attaccati, prima tentando di colpirli con manate e gomitate e dopo provando ad impossessarsi della pistola di ordinanza di uno di essi.

Fortunatamente il 21enne è stato subito bloccato a terra ed ammanettato, cosa che non gli ha comunque impedito di continuare a scalciare contro i poliziotti ed a dimenarsi come un forsennato.

Gli agenti Polfer hanno richiesto l'intervento sul posto di una pattuglia della squadra volante di Lecco: con l'ausilio di fasce di velcro portate dagli agenti, l'immobilizzazione si è potuta completare in sicurezza.

Condotto in questura, D.P.A.è risultato un pluripregiudicato. Il senegalese con cittadinanza italiana ha precedenti per rapina aggravata, furto aggravato, ricettazione, danneggiamento, evasione e resistenza a pubblico ufficiale. Tra l'altro era già sottoposto alla misura restrittiva di presentazione alla polizia giudiziaria.

Alla lunga lista di precedenti si aggiungono le incriminazioni per quanto fatto giovedì, ovvero minacce, oltraggio e resistenza a pubblico ufficiale, più la tentata rapina della pistola. Ieri il giudizio direttissimo, in cui il giudice ha convalidato il fermo, determinando la misura restrittiva del carcere per il 21enne.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

killkoms

Sab, 12/10/2019 - 15:27

e meno male che non abbiamo lo ius sola!

Ritratto di PollaroliTarcisio

PollaroliTarcisio

Dom, 13/10/2019 - 11:10

Son risorse, non facciamocele rubare dagli altri stati europei!

stefi84

Lun, 14/10/2019 - 16:58

E' pure in possesso di cittadinanza italiana..