"Lei sorrideva" e il pizzaiolo viene assolto dalle accuse

Un pizzaiolo è stato assolto dalle accuse di violenze sessuale. Le immagini delle telecamere mostrano la donna sorridente durante l'episodio. Un sorriso che è risultato decisivo

Un pizzaiolo è stato assolto dalle accuse di violenza sessuale. Valerio Cesarini, questo il nome dell'uomo in questione, era stato accusato di aver violentato una sua collega.

ll video dell'episodio, però, è risultato decisivo ai fini dell'assoluzione. La donna ventenne, come mostrano le immagini, era sorridente. Un comportamento che è stato vagliato dai tre giudici, tutte e tre donne, che hanno giudicato sul caso. Nelle motivazioni si legge che il protagonista della vicenda: "Non ha potuto immaginare che quel particolare atteggiamento del volto, costantemente sorridente, contraddicesse lo stato emotivo". L'uomo, insomma, dinanzi al sorriso della collega, non avrebbe potuto percepire il rifiuto.

La ragazza, così come si legge su Il Corriere della Sera, ha dichiarato di essere imbarazzata per via della situazione:"...Sono fatta cosi, mi è venuto spontaneo sorridere". Frase che è stata pronunciata in aula. Il pizzaiolo, stando a quanto riportato, aveva provato a baciare la giovane. Valerio Cesarini l'avrebbe anche abbracciata e toccata. La collega aveva segnalato quanto accaduto e il pizzaiolo era stato arrestato durante la serata dello scorso sette ottobre. Ma il sorriso già citato avrebbe tratto in inganno il ventiquattrenne e i giudici del Tribunale di Roma hanno optato per l'assoluzione.

Il pizzaiolo ha sostenuto che se la donna avesse risposto "no" allora l'avrebbe lasciata andare. Cesarini, hanno scritto i giudici, ha "attribuito valore preponderante al linguaggio non verbale". Una sentenza coadiuvata dalle immagini delle telecamere.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Popi46

Dom, 27/05/2018 - 15:58

La scusa di sempre... Se è per questo, ho visto tempo fa in TV un servizio sulla prostituzione in cui, mentre il lui si dava da fare entusiasticamente, la lei, ubriaca di piacere, si smaltava le unghie....

Silvio B Parodi

Dom, 27/05/2018 - 17:13

certo che sorrideva anzi rideva... lui col suo cazzetto gli faceva solletico! ahahahahah

rossini

Dom, 27/05/2018 - 18:07

Le donne al solito, prima te la danno e poi si pentono e dicono che le hai stuprate. Possibile che prima di scoparsi una ragazza si debba andare dal notaio e farsi firmare una liberatoria scritta davanti a testimoni?

Ritratto di mircea69

mircea69

Dom, 27/05/2018 - 19:13

Ha chiaramente ragione il pizzaiolo. Spero che le spese legali siano addebitate per intero alla ventenne.

luan

Dom, 27/05/2018 - 19:26

non è la sola che ride appena vede un maschio nudo microdotato

Ritratto di dellelmodiscipio

dellelmodiscipio

Dom, 27/05/2018 - 19:33

Benedette le 3 giudici. Ci mancherebbe che per l'impostazione corrente tutta rozzamente americana di valutare la liceità di un atto sessuale come un bacio o una palpatina non avessero dato retta al loro buon senso. Quel modo stupido di valutare e classificare il comportamento e i sentimenti umani.

Ritratto di ottimoabbondante

ottimoabbondante

Dom, 27/05/2018 - 22:01

Bisogna ''star su con le rece''. Molti stupri sono i pentimenti del giorno dopo.

cecco61

Dom, 27/05/2018 - 23:08

Falso ideologico e nulla di più. Il caso finì pure in televisione e, dal video delle telecamere di sicurezza, si vede il ragazzo che prova ad abbracciare e baciare la collega. Quella, ridendo, dice di no e si scansa. Il pizzaiolo ci riprova ma la ragazza si divincola e se ne va per poi denunciarlo per violenza sessuale. Fine della storia. Nessuna violenza e, volendo, neppure molestia ma solo un approccio maldestro. L'avvocato difensore è stato preso dal proprietario della pizzeria dopo che ha visto il video e sia perché il ragazzo non poteva permetterselo ed è stato messo in galera in meno di 12 ore.

pisopepe

Lun, 28/05/2018 - 07:01

SOLITI GIUDICI ITALIANI DELLE NULLITA NON BISOGNA ESSERE PSICOLOGI PER CAPIRE CHE IL RISO ERA UNA REAZIONE INCONSULTA