La lettera di Berlusconi agli imprenditori: "Formiamo la nuova classe dirigente"

A scrivere è l’imprenditore, non il politico. Un appello a guardare al futuro dell’Italia, a sedersi a un tavolo e a ragionare su come aiutare il Paese a rinascere

Silvio Berlusconi è sceso in campo come imprenditore, la sua vera natura. Ha lasciato per un momento i panni del politico, leader di Forza Italia, per parlare a cuore aperto a tutti gli imprenditori, indipendentemente dalle scelte politiche di ognuno. Ha affidato alle pagine del Corriere una lettera rivolta agli imprenditori come lui, nata dopo aver letto le importanti considerazioni di Ferruccio de Bortoli sul capitale umano e la classe dirigente nel nostro Paese, pubblicate ieri.

Parla l'imprenditore, non il politico

Berlusconi ha iniziato con una premessa, nella quale ha spiegato che, nonostante da 25 anni sia un leader politico, la sua vera professione, che ama ed gli ha sempre dato grandi soddisfazioni, è quella di imprenditore. Grazie alla quale ha realizzato opere importanti non solo per se stesso e la sua famiglia, ma anche per il Paese. “Ho sempre creduto, da liberale, che siano proprio gli imprenditori veri - quelli capaci con le loro forze, di creare, di innovare, di trasformare - a esercitare una funzione pubblica importante, nell'interesse della collettività” scrive nella lettera, spiegando poi che la sua successiva scelta di entrare in politica sia stata una continuazione di quella funzione sociale. Attraverso la quale si è preso una responsabilità nei confronti dell’Italia, paese che gli ha dato tanto e al quale ha detto di credere di aver lui stesso dato qualcosa. Conscio anche del fatto che scendere in politica e scegliere di rappresentare una parte, piuttosto che un’altra, porti necessariamente a leggere politicamente quello che scrive.

Formare la futura classe dirigente

In questo caso però, tiene a sottolineare che a parlare è l’imprenditore, “parte di quella borghesia produttiva, di quella classe dirigente privata di cui parla de Bortoli, che non può limitarsi a chiedere aiuti pubblici”. Berlusconi ha quindi rivolto una richiesta, senza alcuna valenza politica, ai suoi colleghi imprenditori, ai grandi manager. La proposta è quella di sedersi a un tavolo e ragionare tutti insieme su come dare seguito all’appello di de Bortoli. Come poter aiutare la formazione della futura classe dirigente che in Italia adesso manca in ogni campo. Nella politica, nella vita pubblica, nell'economia, nella giustizia, nel sindacato, nell'università, nella dirigenza pubblica e anche nella ricerca. Le eccellenze ci sono, ma raramente restano in Italia. Le esportiamo in altri paesi, perché nel nostro manca un tessuto collettivo qualificato. Innanzitutto si deve fare un importante investimento nell’alta formazione, troppo debole in Italia, ulteriormente penalizzata nei periodi di crisi.

L'appello di Berlusconi agli imprenditori

“La nostra responsabilità sociale di imprenditori è quella di guardare al futuro del nostro Paese. Quel futuro nel quale vivranno e opereranno le aziende che abbiamo creato. Dobbiamo occuparcene. Possiamo dare vita, con le nostre forze, a una grande iniziativa privata per l'alta formazione, che integri e completi ai vertici il sistema pubblico dell'istruzione. Che selezioni e faccia crescere i migliori, concedendo un'opportunità a prescindere dal reddito e dalle condizioni di partenza” ha sottolineato Berlusconi, parlando a cuore aperto. Questo potrebbe essere un inizio alla base di un discorso poi più ampio. Gli imprenditori possono mettere a disposizione dell’Italia la loro esperienza, le loro idee e i loro mezzi economici. Berlusconi ha infine concluso asserendo di conoscere molti colleghi imprenditori o manager che hanno la sua stessa idea. Li ha quindi esortati a uscire allo scoperto, farsi avanti e agire uniti per svolgere un servizio civile per l’Italia. Senza alcuna connotazione politica.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

pv

Lun, 18/05/2020 - 10:30

Come si sta vicino a Nizza? Non pensera' mica di tornare vero?

bernardo47

Lun, 18/05/2020 - 10:42

Aiutare Italia a rimpinguare ancora di più i loro,portafogli.....

Gattagrigia

Lun, 18/05/2020 - 10:52

Le parole di Berlusconi hanno un senso e sono realistiche.Le idee buone. Non sono d’accordo quando dice che esportiamo le nostre menti capaci.Le nostre menti capaci scappano dall’Italia proprio perché c’è una classe imprenditoriale incapace di valorizzarle, così come pure la classe politica non le valorizza.Ma questo non succede da qualche anno, succede ormai da decenni.

Rossana Rossi

Lun, 18/05/2020 - 10:52

Solo i cre.tini danno addosso a Berlusconi, gente che capisce niente di lavoro e imprenditorialità. Come sempre Berlusconi ha ragione ma fin che in questa povera Italietta rossa ci sarà ancora troppo rosso il concetto di imprenditore sarà sempre da combattere e si sosterrà sempre uno sbagliato assistenzialismo di stato per governare le masse senza contare che poi i denari non si grattano dal muro ma li crea chi lavora e produce e non uno stato parassita.

maxfan74

Lun, 18/05/2020 - 10:53

Magari tornasse, al posto di zero menti imprenditoriali al Governo, bisogna provare ad avere una azienda poi si parla, e poi bisogna saperla gestire, l'azienda Italia è gestita malissimo e la mancanza di dirigenza qualificata è un problema enorme. Nessuno a certi livelli si può improvvisare, purtroppo gli italiani si sono affidati a giovani ragazzi inesperti alla prima esperienza politica ed alla prima esperienza lavorativa. I commenti di chi non ha mai creato niente stanno a zero.

gjallahorn

Lun, 18/05/2020 - 11:10

Un appello solo in parte condivisibile, perché la nostra imprenditoria è vecchia e maturata principalmente all' ombra dei politici e dei sindacati. La formazione deve essere diffusa altrimenti si creano oligarchie, che poi fondamentalmente tendono a conservare il potere acquisito. Abbiamo una Finlandia con un Ministro di 34 anni e donna, quindi gli schemi comportamentali non possono essere secondo canoni decisi da "cattivi maestri" o nella migliore delle ipotesi, "da cagnolini" al guinzaglio di cacicchi locali.

glasnost

Lun, 18/05/2020 - 11:14

Ma secondo voi quanti imprenditori, che fanno onore a questo nome, ci sono in Italia? O l'ultimo è stato Marchionne e se ne è dovuto andare dall'Italia? A me sembra che 70 anni di egemonia culturale comunista, abbiano portato gli imprenditori o diventare servi e mendicanti del potere politico e delle sue prebende. E per trasformare in uomini funzionali al potere, la politica ha usato abbondantemente anche le sue propaggini nella magistratura. Ecco, ora siamo vicini ad una nuova calata dei lanzichenecchi che insieme ai francesi stanno comprando le nostre imprese migliori. Un nuovo sacco di Roma favorito dalla situazione che i nostri politici stanno creando.

Nicola48ino

Lun, 18/05/2020 - 11:17

Caro Cavaliere finalmente qualcosa che lei sa fare veramente:l'Imprenditore. Lei è bravo anche come politico ma non tanto nelle scelte delle persone. Il paese non ha bisogno di ciarlatani e odiatori seriali come i compagni e grullini attaccati alle poltrone, ma di gente che ha a cuore le sorti di un paese invidiato da tutto il mondo.

glasnost

Lun, 18/05/2020 - 11:17

Ed anche questa micidiale UE si sta adoperando, attraverso i finanziamenti o i progetti finalizzati,a favorire la guida politica alle imprese. Vale a dire a mettere le imprese in mmano a manager, politicamente condizionati, anziché ad imprenditori. Ma la politica ha sempre e solo distrutto le imprese, basta guardare le cronache più o meno recenti.

alberto_his

Lun, 18/05/2020 - 11:20

Non si capisce perché la classe dirigente debba essere formata dagli imprenditori, espressione di una parte importante del paese, ma comunque parziale e con interessi anche differenti rispetto ad altri comparti del paese

mcm3

Lun, 18/05/2020 - 11:28

Governo in mano agli imprenditori, lo diceva anche quando e' entrato in politca, poi pero', l'unica realta' che si e' arricchita e' stata Mediaset, il paese e' precipitato

Ritratto di Mariopp

Mariopp

Lun, 18/05/2020 - 11:33

@glasnost: credo che ci sia una imprecisione nel tuo post. Marchionne non era italiano (aveva la doppia nazionalità, svizzera e canadese) ed è venuto a lavorare in Italia. Quindi dire che Marchionne sia stato l'ultimo imprenditore italiano e che se ne sia dovuto andare dall'Italia mi sembra il contrario della realtà.

tormalinaner

Lun, 18/05/2020 - 11:33

Caro Berlusconi incomincia a tornare in Italia dalla tua villa in francia e mettici la faccia, gli imprenditori sono in trincea e tu sei nel tuo palazzo. Non basta fare proclami dai tuoi giornali, perdi voti, io come imprenditore e seguo concretezza e non imboscati che mi vogliono fregare con il MES.

Ritratto di scapiddatu

scapiddatu

Lun, 18/05/2020 - 11:58

Tocco con mano un’amarezza profonda, nel leggere i pareri negativi che sono stati postati.Teneteviiiiiii...... er sola, l'ex Grande Fratello, lo steward, il buffone.... ETC....etc... Se non ci fossero li dovremmo inventare, dei veri geni dell'economia e del mondo degli affari. Ogni popolo ha il governo che si merita.Nel CSX ci sono molte persone false e ipocrite.... PEGGIO c'è solo e soltanto il M5S s.r.l.

MOSTARDELLIS

Lun, 18/05/2020 - 12:19

Berlusconi ha avuto il grande merito di salvare l'Italia dal comunismo quando Mani Pulite ha azzerato tutti i partiti italiani meno quello comunista. Dopo di che non ha fatto o non ha potuto fare più niente, ha subito senza fiatare la cacciata dal Governo da parte di Napolitano e Monti e oggi appoggio questo Governo di incapaci e di inetti. Il suo appello agli imprenditori non avrà alcun effetto e stranamente lui, da persona intelligente non riesce a capirlo. A meno che la sua campagna non miri a raccattare qualche voto.

bernardo47

Lun, 18/05/2020 - 12:26

classe dirigente fatta di imprenditori? sara' meglio di no eh? classe dirigente politica fatta di ceto medio e mista, semmai, caro cavaliere.......

Nicola48ino

Lun, 18/05/2020 - 12:33

Caro Cavaliere finalmente qualcosa che lei sa fare veramente:l'Imprenditore. Lei è bravo anche come politico ma non tanto nelle scelte delle persone. Il paese non ha bisogno di ciarlatani e odiatori seriali come i compagni e grullini attaccati alle poltrone, ma di gente che ha a cuore le sorti di un paese invidiato da tutto il mondo.

Mborsa

Lun, 18/05/2020 - 12:40

Berlusconi parla da imprenditore per non parlare di politica! In questo momento in cui manca una proposta politica di prospettiva, fare un appello agli imprenditori senza uno scenario di medio termine è assolutamente inutile. Lo statista Berlusconi manca al proprio ruolo ed è molto al di sotto delle sue capacità.

IronHandIronHead

Lun, 18/05/2020 - 12:49

Il problema di Silvio è che come imprenditore ha bisogno di una politica condiscendente e come politico ha invece il peso di essere un imprenditore. Ho creduto in FI sperando che fosse fatta da Martino, da Tremonti, da persone libere e toste. Ma alla fine havvo vinto le posizioni compromissorie al minimo. Per non disturbare troppo i compagniucci...

Ritratto di Smax

Smax

Lun, 18/05/2020 - 12:52

Quali imprenditori? Quelli delle delocalizzazioni, oppure Tipo fiat con tasse pagate in olanda, prestito garantito dallo stato Italiano di 6 miliardi e cassa integrazione a gogo? Questi?

bernardo47

Lun, 18/05/2020 - 13:06

imprenditori sono cittadini come tutti gli altri e talvolta sono pure peggiori, specie quando evadono(talini di loro)le tasse, rubando quindi alla collettivita'....per rimpinguare i loro portafogli.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Lun, 18/05/2020 - 13:15

ma i babbei comunisti perchè mai devono lamentarsi con noi? :-) dovrebbero andare a lamentarsi con conte, con di maio, con mattarella, con chi volete, ma a sinistra!!!

Ilsabbatico

Lun, 18/05/2020 - 13:35

Gattagrigia 10:52.......onore a te per la frase che hai scritto. ".Le nostre menti capaci scappano dall’Italia proprio perché c’è una classe imprenditoriale incapace di valorizzarle.." VERISSIMO! Questo succede anche perché è proprio cambiata la classe imprenditoriale in Italia , perché a sua volta è cambiato il modo di fare imprenditoria. Un grande imprenditore , onesto, rispettato, di fiducia, di buon senso e di grande capacità di visione dei mercati e delle possibilità, in Italia NON POTREBBE LAVORARE. Di grandi imprenditori, non ci è rimasto quasi più nessuno.....per essere imprenditore in Italia devi essere scaltro , "disonesto", inaffidabile, devi avere quello che si dice "pelo sullo stomaco" e devi essere noncurante di tutto...

Xplr

Lun, 18/05/2020 - 13:51

Dopo tutto quello che gli hanno fatto, non mi sento di sparare contro di lui. Si è arreso ed è comprensibile. Ma la coalizione con gli altri due... NON SIETE PIU CREDIBILI. Pietra tombale sul CDX.

Ritratto di cicopico

cicopico

Lun, 18/05/2020 - 13:55

lui pensa solo ai suoi interessi,ma gli italiani lo hanno capito.

RTRTRTRT

Lun, 18/05/2020 - 13:58

Nella politica,nell'economia,nella giustizia,nel sindacato,nell'università,nella dirigenza pubblica c'è già una classe dirigente di "altissimo" livello,tutta romana e del sud e pronta a eseguire qualsiasi ordine dall'estero per bloccare e impoverire il Nord Italia,ossia la sua borghesia produttiva e la classe dirigente privata che compete con le altre nazioni europee.Per quello che devono fare,bloccare le aziende del Nord,i burocrati di roma e del sud sono il top,le potenze straniere non potevano chiedere di meglio.Prox passo è infiltrare le aziende del Nord Italia con i soldi del debito pubblico,già i burocrati romani e del sud hanno infiltrato le municipalizzate nel Nord Italia,anche a Milano,ossia quelle che tenevano ancora in piedi la baracca,non avevano debiti e distribuivano dividendi ai comuni,ma che subiranno un bel trattamento che le porterà all'inefficienza di quelle di roma e del sud.Insomma ormai i buoi sono scappati dalla stalla da tempo...

Popi46

Lun, 18/05/2020 - 14:23

Berlusconi è un imprenditore con gli “ attributi” e ragiona come tale, facendosi concavo o convesso a seconda delle opportunità disponibili. Il che è sacrosanto, ditemi uno,fra noi cittadini comuni, che non si faccia in primis gli affari propri..... Governare è altra cosa e le forme di Governo sono conosciute: Monarchia per grazia ricevuta, Impero (Monarchia con confini più estesi), Dittatura (chi non ubbidisce....,fuori), Democrazia (Presidenziale o Parlamentare), Anarchia (come la nostra di fatto attualmente vigente).... Ergo, siamo nella m....a

Iacobellig

Lun, 18/05/2020 - 15:28

Berlusconi: 1) cacciare il M5S e coloro che desiderano incentivare la presenza della Cina in Italia, semmai ci vendiamo agli USA; 2) la ricostruzione del paese SPETTA alla coalizione che vincerà le prossime votazioni e non certamente alle 4 sinistre!!! 3) portare a votare gli italiani anche in clima di emergenza; 4) Mattarella ha già fatto molti danni per non aver fatto votare gli italiani; 5) il prossimo presidente dovrà essere di nomina centrodestra, basta con le imposizioni di sinistra!

Abit

Lun, 18/05/2020 - 15:59

bernardo47 (10:42) : preferisce che delle imprese chiudano? O forse Lei è già pensionato....

ulio1974

Lun, 18/05/2020 - 16:10

glasnost 11:14:Marchionne non era un'imprenditore, ma un manager (nemmeno italiano per altro - se non di sole origini). L'imprenditore è colui che nell'impresa ci mette del suo (anche privato), il manager gestisce - con rischi personali molto limitati, se non nulli.

gedeone@libero.it

Lun, 18/05/2020 - 16:22

Berlusconi è ancora il meglio che abbiamo ed ha voluto e vuole tuttora il bene dell'Italia e degli Italiani. Per questo ha subito torti e persecuzioni inimmaginabili da parte delle sinistre e delle sue appendici giudiziarie. C'è voluto il suo coraggio per uscire vivo da tutto questo. La storia dirà la verità su quest'Uomo.

Ora

Lun, 18/05/2020 - 16:35

Berlusconi ,a suo dire, ha fatto una riforma del lavoro epocale ,una riforma liberale epocale, due aliquote del 23 e 32 %, una riforma della giustizia epocale e altre mostruose riforme, ora vuol formare una nuova classe dirigente.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Lun, 18/05/2020 - 16:57

i babbei comunisti grulli non impareranno mai, nè a scrivere, nè a leggere, nè a ragionare, e neppure a vivere, sono come i cinghiali, vivono allo stato brado, senza regole, e per questo facilmente cacciabili :-)

Mordechai

Lun, 18/05/2020 - 16:57

Berlusconi sarebbe "nuova classe dirigente"???

Nicola48ino

Lun, 18/05/2020 - 17:20

X favore togliete la tastiera a bernardo 47, è dappertutto con 5 6 commenti x articolo. Non c'è un giornale che non ci sono 5 6 commenti. Mi ha chiamato un amico francese mi ha domandato chi è bernardo 47 dicendo che fa commenti in tutti i giornali . Ahahahahah

Ritratto di vince50_19

vince50_19

Lun, 18/05/2020 - 17:24

Una parte della classe politica può certo essere formata da imprenditori che, specie nel campo dell'economia, possono dare input adeguati. Quello che più mi preoccupa è la capacità politica di saper dialogare con la Ue senza farsi mettere i piedi in testa oltre il mondo della giustizia, viste certe ultime imprese nell'era bonafediana: definirla un macello è cosa del tutto benevola. I temi sarebbero poi molti altri, tuttavia mille caratteri non mi concedono spazio adeguato.

Ritratto di hernando45

hernando45

Lun, 18/05/2020 - 17:49

Caro emigrante (come me) delle 13e35, hai pienamente ragione. Di VERI imprenditori come quelli per i quali ho lavorato e conosciuto negli anni 60 e 70 in Italia non ce ne sono piu!!! Sono stati "distrutti" dai sindacati, dai regolamenti,dalle tasse e che hanno fatto (i loro figli) hanno venduto tutto ai Cinesi (come la Candy dei Fumagalli) perche STUFI di venire VESSATI dai vari S/governi ROSSI che li consideravano solo degli EVASORI!!!! Saludos

Ritratto di PeccatoOriginale

PeccatoOriginale

Lun, 18/05/2020 - 18:15

Ma se Berlusconi non e` riuscito a formare la classe dirigente del suo stesso partito...

zen39

Lun, 18/05/2020 - 18:30

Vauro e Santoro sono già in allerta è tornato il lavoroooo !!! Caro Silvio capisco le tue buone intenzioni ma i "mestieranti della politica" sono come il virus, hanno contagiato tanta di quella gente che è più facile colonizzare Marte che gli imprenditori governino questo paese. La mentalità "comunista" non se n'è mai andata si solo camuffata. Ci vorrebbe un grande leader ma non ce n'è all'orizzonte e se qualcuno ci fosse si guarda bene dal farsi avanti. L'atmosfera è così inquinata che rischierebbe di soffocare. Ecco perchè la sinistra continua a produrre "fumo", vuol impedire che qualcuno ci veda bene e scopra le sue menzogne.

caren

Lun, 18/05/2020 - 19:02

Sarei d'accordo con Berlusconi se, la nuova classe dirigente, imprenditori compresi, potessero lavorare di comune accordo con la politica, per emettere leggi e decisioni che vadano nella direzione di una vera crescita sociale ed economica, nonché, e questo è un fatto di primaria importanza, abbattere lo stato burocratico cieco ed ottuso, che la frenerebbe.

Calmapiatta

Lun, 18/05/2020 - 19:32

Ma chi più di un uomo, un imprenditore, che è stato punto di riferimento per oltre 20 anni e che ha portndo in politica svariate "personalità" e che ha rivestito responsabilità di governo ha più responsabilità del cavaliere nel fallimento delle attuali classi dirigenti? La sx ha contribuito attivamente aloo sfascio, ma la dx non è rimasta a guardare, caro cavaliere. Alla sua età, sarebbe il caso di tirare un bilancio e prendersi le proprie responsabilità.

Ritratto di scapiddatu

scapiddatu

Lun, 18/05/2020 - 20:02

Si tenga conto del fatto che non nutro particolare feeling per Foza Italia (ma ho comunque sempre ammirato e stimato... Silvio Berlusconi). Ma non ho dubbi sul fatto che: il presidente Silvio Berlusconi attesta, una pagina importante nella storia del nostro Paese, lo spessore intellettuale, politico, umano, e di grande statista. Se mi è permesso... vorrei far presente....., Se non fosse stato per l'ingresso in politica di Silvio Berlusconi, i "pastrsni rossi "di tangentopoli avrebbero condotto i "comunisti" al potere, con un golpe giudiziario. Ricordiamoci inoltre dei tratitori del popolo: gianfranco fini, roberto antonione, fabio gava, santo versace, angelino alfano,raffaele fitto....... (Matteo Salvini).... etc..etc...etc..."Il falso amico è come l’ombra che ci segue finché dura il sole" (Il conte Carlo Dossi).Per non parlare della magistratura; non si ferma mai per Silvio Berlusoni. Amicus certus in re incerta cernitur