La Lifeline sbarcherà a Malta. Conte: "In Italia quota migranti"

Dopo un braccio di ferro durato giorni, La Valletta accetta l'attracco della nave ong. I migranti divisi tra i Paesi Ue

La Lifeline sbarcherà a Malta. Conte: "In Italia quota migranti"

L'odissea della Lifeline si è chiusa. La nave della ong tedesca battente bandiera olandese sbarcherà a Malta. Di fatto la conferma (e la svolta) su questo fronte arriva dal permier Giuseppe Conte che ha sentito telefonicamente il premier maltese Muscat: "Ho appena sentito al telefono il presidente Muscat: la nave della Ong Lifeline attraccherà a Malta. Con il Presidente maltese abbiamo concordato che l'imbarcazione sarà sottoposta a indagine per accertarne l'effettiva nazionalità e il rispetto delle regole del diritto internazionale da parte dell'equipaggio. Coerentemente con il principio cardine della nostra proposta sull'immigrazione - secondo cui chi sbarca sulle coste italiane, spagnole, greche o maltesi, sbarca in Europa -, l'Italia farà la sua parte e accoglierà una quota dei migranti che sono a bordo della Lifeline, con l'auspicio che anche gli altri Paesi europei facciano lo stesso come in parte già preannunciato", ha affermato il presidente del Consiglio.

Di fatto La Valletta aveva dato alcune indicazioni precise per dare l'ok allo sbarco. Malta ha chiesto la redistribuzione dei migranti negli altri Paesi Ue. E in Italia, sempre secondo quanto riferito dal premier, arriverà una quota di migranti della Lifeline. "L’Italia farà la sua parte e accoglierà una quota dei migranti che sono a bordo della Lifeline", ha sottolineato il premier. Dopo lo sbarco del Mersk a Pozzallo di ieri sera, si chiude anche questa odissea che durava da giorni. E anche questa volta la nave ong non attraccherà in un porto italiano. La nuova linea del Viminale ha cambiato il vento nel Mediterraneo. E Salvini esulta: "E due!?? Dopo la Ong Aquarius spedita in Spagna, ora tocca alla Ong Lifeline che andrà a Malta, con questa nave fuorilegge che finalmente verrà sequestrata. Per donne e bambini davvero in fuga dalla guerra le porte sono aperte, per tutti gli altri no!".

Ma sullo sbarco a Malta della Lifeline è ancora giallo. Infatti l'equipaggio della nave ong ha fatto sapere che di fatto non è ancora arrivata una comunicazione ufficiale da parte de La Valletta. E il governo maltese fa sapere che verrà dato l'ok alle procedure di sbarco solo quando sarà raggiunto un accordo tra i Paesi che si impegnano ad ospitare una quota dei migranti a bordo della nave. Il presidente francese, Emmanuel Macron ha fatto sapere che la Francia accoglierà una parte dei migranti della Lifeline. Finora c'è l'ok di Italia, Portogallo, Malta, Francia e Spagna. Manca all'appello solo la Germania. "Alle 18.00 abbiamo ricevuto un messaggio da Malta che diceva che non ci è di permesso entrare nelle acque territoriali. Pertanto, non possiamo confermare ciò che è stato diffuso finora dai media", ha fatto sapere con un tweet la Lifeline.

Commenti

Grazie per il tuo commento