"L'olio di cocco è veleno puro": l'allarme di una docente di Harvard

Karin Michels ha puntato il dito sui grassi saturi presenti nell'olio di cocco, che possono recare grave pericoli all'apparato cardiocircolatorio

Alla lista degli alimenti pericolosi per la salute dell'uomo, si aggiunge l'olio di cocco. Quello che per molti siti internet è una sorta di viatico per ogni male, dai capelli all'obesità, per Karin Michels dell'università di Harvard è semplicemente "veleno puro".

Secondo l'epidemiologia del Harvard T.H. Chan School of Public Health, intervenuta di recente in una conferenza a Friburgo, in Germania, l'olio di cocco è "una delle cose peggiori che si possano mangiare". E il motivo è da ricercare nell'enorme quantità di grassi saturi presenti nell'alimento, elementi che aumentano il livello di colesterolo Ldl e con esso il rischio di problemi cardiovascolari.

Karin Michels non è la prima ricercatrice di fama internazionale a parlare dei rischi per chi fa uso di olio di cocco. L'anno scorso, l'American Heart Association aveva già lanciato l'allarme analizzando le conseguenze sull'apparato circolatorio di una dieta a base di questo alimento. "Poiché l'olio di cocco aumenta il colesterolo Ldl e non si conoscono invece effetti positivi, ne sconsigliamo l'uso", questa la conclusione dell'analisi svolta dall'istituto americano.

Dello stesso avviso, la British Nutrition Foundation, che ha anzi voluto ribadire l'assenza di "prove scientifiche forti a sostegno dei benefici per la salute derivanti dal suo consumo". Secondo la fondazione britannica, "l'olio di cocco può essere incluso nella dieta, ma solo in piccole quantità dato che è ricco di grassi saturi e come parte di una dieta equilibrata".

Per i fautori della dieta a base di quest'olio, una vera e propria tegola. Come spiega il Daily Mail, il boom di questo alimento si ebbe nei primi anni Duemila grazie ad alcuni studio realizzati dalla Columbia University sugli acidi grassi a catena media, una tipologia presente appunto nelle noci di cocco. Secondo gli studi, chi ne faceva uso bruciava i grassi più rapidamente. Ma tutto ha un prezzo, evidentemente. Almeno secondo le ultime denunce.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

pardinant

Mer, 22/08/2018 - 21:42

Di questo passo, non ci resterà che leccare......

killkoms

Mer, 22/08/2018 - 22:17

ora se ne accorgono?

venco

Mer, 22/08/2018 - 23:02

Va bene sconsigliato ma dichiararlo veleno puro è una pazzia, allora si puo dire che qualsiasi alimento è veleno puro se consumato in eccesso.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Mer, 22/08/2018 - 23:07

Aggiungiamoci anche l'olio di palma!

GPTalamo

Gio, 23/08/2018 - 03:36

I soliti giornalisti a caccia di notizie sensazionalistiche. Potete dire che fa male, ma onestamente, come fate a definirlo "veleno puro"? Come mai non sono morto ne' mai ho accusato un'intossicazione acuta? Dai, non usate le parole a casaccio, ne va della vostra credibilita'.

cgf

Gio, 23/08/2018 - 05:27

domanda: quale olio NON aumenta il colesterolo Ldl? Sono appena tornato da Oriente, dove l'olio di palma è usato da sempre, incontri ottanta/novantenni nelle risaie, nb in risaia hai piedi a mollo e stai chinato con la schiena, le uniche persone obese sono i giovani che frequentano fast-food e mangiano merendine importate, quelle senza olio di palma. Chi devo credere? le 'masse grasse' sono quelle che danno il sapore, sono dappertutto, soprattutto nell'industria alimentare vengono aggiunte, nessuna che NON aumenta il colesterolo Ldl non ci credo.

cgf

Gio, 23/08/2018 - 11:34

il precedente post era in risposta a Zagovian

Ritratto di Ninco Nanco

Ninco Nanco

Ven, 24/08/2018 - 13:22

L'altalena informativa di alimenti che un giorno "curano tutti i mali" e il giorno dopo "hanno effetti letali" ha semplicemente scocciato. Se siamo capaci di ascoltare il nostro organismo sappiamo benissimo cosa ci fa bene e cosa ci fa male. Non abbiamo bisogno delle contraddizioni dei guru di turno.