L'Unchr: "Non demonizzare i profughi: non sono tutti dei terroristi"

La lezione dell'agenzia Onu dove lavorò Laura Boldrini: "Preoccupati che alcuni Paesi vogliano sospendere gli aiuti ai migranti o costruire barriere di confine"

L'Unchr: "Non demonizzare i profughi: non sono tutti dei terroristi"

Rifugiati e richiedenti asilo non vanno incolpati per quanto accaduto nella notte tra venerdì e sabato a Parigi, quando diversi commandos di terroristi hanno attaccato la capitale francese provocando almeno 129 morti.

A dirlo è l'Unhcr, l'agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati: "Siamo preoccupati che alcuni Paesi possano sospendere i programmi di aiuti" per i migranti, ha dichiarato il portavoce dell-organismo Onu, Melissa Fleming.

"Temiamo che alcuni Paesi possano rivedere gli impegni presi in passato a favore dei profughi - ha spiegato la Fleming - O addirittura promuovere la costruzione di muri e barriere di confine. È intollerabile demonizzare tutti i rifugiati come se si trattasse di un'entità unica: si tratta di un atteggiamento pericoloso che contribuisce ad alimentare xenofobia e paura."

La portavoce dell'agenzia Onu per i rifugiati ha inoltre ricordato che "non è ancora stato confermato" che alcuni degli attentatori di Parigi possano essere entrati in Europa con il flusso dei migranti.

La soluzione, suggeriscono dall'Unhcr, è quella di implementare le procedure di registrazione degli arrivi in Grecia e Italia, oltre che di favorire il piano di ricollocamenti dei centosessantamila migranti interessati dal piano delle cosiddette "quote", che dovrebbero redistribuire i richiedenti asilo in modo più equo tra i vari Paesi dell'Unione Europea.

Commenti