In mare con la mascherina: 76enne rischia di annegare

A Pescara, un uomo di 76 anni ha rischiato di annegare per via della mascherina bagnata: salvato appena in tempo da due bagnini

In foto, i bagnini Mattia Fracassi e Luigi Del Gaudio

Fa il bagno in mare con la mascherina e rischia di annegare ma, per fortuna, due bagnini intervegono tempestivamente per metterlo in salvo. L'uomo, un anziano di 76 anni di Pescara, non ha riportato danni e si è già rimesso nonostante il grande spavento.

Cosa è accaduto

Attimi di grande paura ieri, venerdì 3 luglio, nelle acque fra gli stabilimenti Jumbo e Nettuno, sulla riviera nord di Pescara. Attorno alle ore 9.30 del mattino, un bagnante ha rischiato di soffocare perché la sua mascherina si è inzuppata al punto tale da togliergli l'aria. Secondo le prime ricostruzioni, il 76enne si sarebbe diretto in mare per fare il bagno ma, nonostante sia consentito togliere la mascherina in acqua, pare abbia preferito tenerla ben stretta al volto in misura preventiva. Il dispositivo, una Ffp2, si è intriso così di acqua impedendogli quindi di respirare e di ritornare verso la riva.

L'intervento dei bagnini

Per fortuna, due bagnini in attività, Mattia Fracassi e Luigi Del Gaudio della Compagnia del mare-Lifeguard, hanno notato l'anziano agitarsi in mare e, senza indugiare un solo secondo, si sono tuffati per soccorrerlo. Un intervento provvidenziale quello dei due operatori che sono riusciti a trasportare l'anziano verso la riva appena in tempo: una manciata di secondi in ritardo e la vicenda sarebbe presumibilmente evoluta in tragedia. Stando a quanto riferisce Leggo.it, l’uomo non ha riportato nessuna conseguenza di tipo respiratorio, se non un grande spavento che ha generato il panico tra gli altri bagnanti. Alla fine, tutto si è risolto per il meglio. Il Presidente della Compagnia del mare-Lifeguard ha espresso con orgoglio i complimenti ai due bagnini-eroi: "Sono stati pronti, coraggiosi e determinati a risollevare una situazione che poteva sfociare in tragedia".

Quando indossare la mascherina

A tal proposito, è bene ricordare che le mascherine, chirurgiche o “di comunità” (ossia fatte in casa secondo i requisiti dell’Istituto Superiore di Sanità), sono obbligatorie quando non è possibile rispettare la distanza di sicurezza, nei luoghi al chiuso e affollati. In spiaggia, così come in tutti gli altri spazi all'aperto, non sono obbligatorie posto che sia garantito il distanziamento sociale. In mare non deve essere utilizzata in quanto vi è il rischio che il dispositivo imbarchi acqua ostacolando la regolare attività respiratoria o, come nel caso del bagnante pescarese, provocare soffocamento.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

cgf

Dom, 05/07/2020 - 11:05

È stato detto che in acqua si può togliere la mascherina, non che si deve togliere la mascherina. Colpa di Conte/Casalino?

caren

Dom, 05/07/2020 - 11:37

Quello che non capisco è: per poter respirare, perchè quel signore, non ha sfilato con le sue mani la mascherina, senza dover aspettare l'intervento dei bagnini? Fortuna che è andata bene.