Mascherina in auto e distanze: ecco che cosa c'è di vero

Per tutti gli spostamenti da casa, quelli in auto, moto, bicicletta o monopattino, ecco quali sono davvero le regole da seguire per rispettare le norme e non prendere la multa

Un'anziana indossa la mascherina (Fotogramma)
Un'anziana indossa la mascherina (Fotogramma)

Come noto, da lunedì 4 maggio è scattata la Fase 2 della "convivenza" con il coronavirus, che di fatto ha allentato le misure di contenimento anti pandemia di Covid-19. A partire da questa settimana possiamo uscire di casa per i soliti motivi di salute, lavoro e necessità, ai quali si aggiungono le possibilità di andare a trovare i congiunti e di fare attività fisica anche lontano dalla propria residenza, in parchi e giardini. Ecco, ma quali sono le regole per gli spostamenti nella Fase 2? Quando usciamo prendendo l’auto, la moto, la bicicletta o i monopattini per gli spostamenti appunto consentivi, dobbiamo indossare sempre e comunque la mascherina? Posso portare in moto la persone che convive con me? E ancora, all’interno dell’abitacolo bisogna tenere la mascherina e il passeggero (convivente)può stare sul sedile davanti o per forza in quelli dietro? Insomma, tante domande alle quali ora diamo tutte le risposte e le vere regole di comportamento, così da rispettare le norme e non prendere la multa.

Mascherine, le regole per gli spostamenti

Partendo dal mondo delle quattro ruote, non è necessario indossare la mascherina all’interno della propria auto qualora fossimo da soli, mentre se nel veicolo viaggia il convivente (che può essere solo uno) bisogna indossarla e mantenere la distanza di sicurezza di almeno un metro, per cui è caldamente consigliato al passeggero sedersi dietro. L’obbligo della mascherina in generale non vale per i bambini sotto i sei anni di età e per le persone con disabilità incompatibile con un uso continuativo della mascherina.

Dalle quattro ruote delle automobili alle due delle motociclette: in questo caso la mascherina è obbligatoria solamente se si viaggia con un passeggero. Ma in caso di casco integrale? Come ben sottolineato dal Sole 24 Ore, dal momento che si appanna la visiera, è ragionevole non indossarla se si tiene chiusa la visiera stessa.

Passando alle due ruote della bicicletta, non c’è l’obbligo di avere la mascherina mentre si pedala. Un genitore può accompagnare un minore o un soggetto può accompagnare una persona con autosufficiente, rispettando comunque la distanza di un metro, che sale a due in caso di attività sportiva per gli amanti del ciclismo.

Quindi, il capitolo delle due ruote ancor più piccole dei monopattini (ma lo stesso vale per tutto il mondo della mobilità elettrica come segway e overboard). Non ci sono regole ad hoc, ma la cosiddetta micromobilità elettrica viene parificata alle biciclette, per cui – rispettando le regole della strada previste dal Codice e da ogni città – volendo si può guidare questi mezzi senza mascherina, ma è vietato trasportare sempre e comunque altre persone, oggetti o animali e farsi trainare da un altro veicolo.

Insomma, per chiudere, non sempre la mascherina è obbligatoria e in tutti i quei casi in cui non lo è ciò non significa che, per sicurezza, è sempre bene indossarla

Commenti