Maxi frode post sisma: diciannove lingotti d'oro sequestrati dalla Gdf

Le Fiamme Gialle di Camerino, Macerata, hanno scoperto una frode milionaria nella gestione dei servizi di accoglienza degli sfollati del sisma del 2016

Gli sciacalli del terremoto non mancano mai. E oggi, a oltre tre anni di distanza, la Guardia di Finanza ha scoperto una frode milionaria circa la gestione dei servizi di accoglienza degli sfollati del sisma del Centro Italia, sequestrando beni per un totale di oltre un milione di euro. Tra questi, anche diciannove lingotti d'oro massiccio.

L'indagine chiamata "El dorado" è stata condotta dalle Fiamme Gialle di Camerino (in provincia di Macerata) e come riportata dall'agenzia stampa Agi, è stata coordinata dal capo della procura di Macerata, Giovanni Giorgio, e da sostituto Vincenzo Carusi.

Nel corso dell'inchiesta, i militari hanno posto particolarmente attenzione nei confronti di una struttura alberghiera situata proprio nella provincia di Macerata. L'hotel finito nel mirino della Guardia di Finanza proprio nei mesi susseguenti alle tremende scosse, dunque in piena emergenza per la comunità locale, ha offerto alla cittadinanza colpita dalla calamità naturale un servizio di accoglienza e gestione delle centinaia, o meglio migliaia, di sfollati, che hanno dovuto abbandonare in fretta e furia le proprie abitazioni.

Ecco, secondo quanto si è appreso nelle ultime ore, la società in questione aveva fornito, sin dai primi tempi successivi al terremoto, ospitalità sia in favore dei cittadini sfollati che del personale delle forze di polizia coinvolte nei servizi di ordine pubblico e sicurezza nei comuni terremotati.

Proprio per tutti questi servizi, la struttura aveva ricevuto e incassato dalla Regione Marche e dalla prefettura di Macerata compensi per circa un milione e mezzo di euro. Circa mezzo milione sarebbe stato reinvestito nell'acquisto di 51 lingotti d’oro puro, per un peso complessivo di circa 13 chilogrammi. Ecco, ora le Fiamme gialle hanno sequestrato oltre a disponibilità finanziarie, 19 dei 51 lingotti d'oro, per 4,75 chilogrammi, del valore di circa 200mila euro, trovati in una botola nascosta sotto al letto di uno degli indagati.

Dalle indagini svolte sarebbe emerso che gli indagati, a vario titolo soci o amministratori e tutti tra di loro collegati da stretti legami familiari, avevano attuato una prolungata e illecita distrazione di risorse economiche dai conti correnti societari, tanto da portarla alla declaratoria di fallimento. Dagli accertamenti svolti dai finanzieri, sarebbe anche emerso che la società ha omesso, nel 2016 e 2017, di presentare le dichiarazioni dei redditi e dell'Iva, per cui è stata considerata come evasore totale, per cui si procederà anche al recupero a tassazione delle somme evase al Fisco italiano.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

scorpione2

Ven, 20/12/2019 - 12:56

buona permanenza nelle patrie galere.

Ritratto di bandog

bandog

Ven, 20/12/2019 - 13:51

a quando un'indagine uguale ed approfondita di alberghi e coop che hanno e gestiscono i clandestini pardon risorse arrivate in itaglia?? Cominciando da quello che girava in Ferrari e si vantava di tirar su decine di migliaia di euro al giorno??

ROUTE66

Ven, 20/12/2019 - 14:44

Pensate che negli anni del"abbondanza si spendevano 4/5 miliardi per mantenere i migranti in ARRIVO. QUANTI DI QUEI SOLDI SONO FINITI NEL MATERASSO DEI SOLITI. E QUANTI DI QUEI 4/5 MILIARDI SONO STATI STANZIATI DAL"EUROPA? Molte volte hanno ripetuto che l"EUROPA ci dava soldi MA MAI HANNO DETTO QUANTI NE SONO ARRIVATI