La Merkel visita gli scavi di Pompei

La cancelliera tedesca ha fatto la fila e pagato il biglietto per sé, il marito e la scorta. Poi, dopo pranzo, ha raggiunto Ischia

La Merkel visita gli scavi di Pompei

Tre ore e mezzo tra gli scavi di Pompei, come una turista qualunque. La cancelliera tedesca Angela Merkel si è concessa una vera e propria full immersion culturale. Era accompagnata dal marito, dalla scorta e da un archeologo tedesco. All’uscita dagli scavi ha ricambiato il saluto di un gruppo di persone che l’ha riconosciuta ed è risalita in auto. E' iniziato così il soggiorno campano della Merkel, che dopo Pompei si è spostato ad Ischia, sua meta abituale per le vacanze in Italia.

La cancelliera è entrata nel sito archeologico dopo essersi recata personalmente a pagare il biglietto d’ingresso per lei e le persone che l'accompagnavano. Indossando un giubbotto chiaro, il capo del governo tedesco ha poi iniziato il suo tour con una mappa in mano per districarsi tra le varie insule della città antica. Dopo la visita la Merkel ha pranzato in un ristorante del centro di Pompei, "Zi Caterina". Si è seduta ad un tavolo assieme al marito ed ha mangiato antipasti di frittura di mare e alici, bevendo vino bianco. Il pranzo si è concluso con un caffè. È stata la stessa Merkel a pagare il conto.

Come da tradizione a Ischia la Merkel soggionerà in un albergo del Borgo Sant’Angelo, nel comune di Serrara Fontana. Pronta l’accoglienza sull’isola verde, nel rispetto della privacy alla quale tiene molto la Cancelliera: nella sua stanza, i coniugi troveranno un omaggio floreale del sindaco di Serrara Fontana, Rosario Caruso, e una cesta di prodotti tipici di Ischia. Rafforzate le misure di sicurezza: gli artificieri hanno già ispezionato la zona, mentre sabato sull'isola sono sbarcate le unità antiterrorismo della Polizia di Stato con le unità cinofile.

Commenti