Meteo "stravolto". Chi sarà colpito dallo "schiaffo" gelido

Fa freddo, le temperarure sono sotto media e nevicherà ancora su Alpi ed Appennini: la primavera non ne vuole sapere di decollare. Maltempo in Sicilia. Dalla prossima settimana temperature in aumento ma occhio ai temporali pomeridiani

Meteo "stravolto". Chi sarà colpito dallo "schiaffo" gelido

È passato quasi un mese dall'inizio della primavera ma non ce ne stiamo accorgendo: da alcuni giorni, il Centro-Nord italiano fa i conti con tante nubi, piogge, nevicate anche a quote basse e temperature sotto le medie del periodo. A tutto questo, aggiungiamo la perturbazione africana in arrivo al Sud ed in Sicilia ed il quadro meteo è completo.

La situazione attuale

Come mostrano le immagini del satellite, l'Italia è divisa in due: il Nord ed il Centro risentono ancora della circolazione di aria artica che ha dato i suoi frutti nei giorni scorsi ma che non ha completamente esaurito la sua azione. Il meteo di oggi vedrà cieli molto nuvolosi e precipitazioni sparse seppur di debole intensità. La vera notizia è il freddo, con le temperature al di sotto della media di 6-8°C al Centro-Nord e fino a 5 gradi anche al Sud, meno colpito dall'ondata gelida dei giorni scorsi. Anche durante la prossima notte saranno possibile gelate sulle pianure settentrionali, complici anche i cieli sereni e l'escursione termica tipica di questo periodo dell'anno. Ma anche dalla Campania in giù, quest'oggi, c'è un elemento nuovo: una perturbazione africana si sta spostando dalla Tunisia verso le regioni meridionali. La più colpita, in termini di piogge ed acquazzoni, sarà la Sicilia dove la protezione civile ha diratamato un'allerta gialla per la giornata di oggi. Adesso, vediamo nel dettaglio quali sono le previsioni complete e dettagliate per la giornata di oggi in Italia.

Cosa accadrà al Nord

Come dicono gli esperti, giovedì sarà caratterizzato da un cielo spesso molto nuvoloso ma le precipitazioni saranno relegate soprattutto all’arco alpino dove nevicherà fin sotto i mille metri. Attenzione, però, al rischio valanghe in Piemonte, previsto marcato e di livello 3 in una scala che da 1 a 5. Deboli piogge sulla Pianura Padana e sul Nord-Est. Farà ancora freddo: temperature massime comprese fra i 5 gradi di Aosta e i 12 gradi di Trento e Bologna Piovaschi occasionali in Pianura Padana.

Il meteo di Centro e Sardegna

Tante nubi in Sardegna, sfiorata dalla perturbazione africana che colpirà in maniera decisa la Sicilia. Nubi sparse anche sulle altre regioni centrali anche se le condizioni meteo saranno decisamente migliori che al Nord con cieli parzialmente nuvolosi ma lunghe pause soleggiate. Qualche nevicata potrà cadere sui monti del Lazio e dell'Abruzzo al di sopra dei 1400 metri. Le temperature massime saranno comprese fra i 12 gradi di Perugia ed i 17 gradi di Roma.

Cosa è previsto al Sud ed in Sicilia

Come detto, ecco la perturbazione in arrivo ma non per tutti: se Campania, Basilicata e Puglia vedranno poche nubi e tanto sole, discorso diverso per Calabria e Sicilia con tante nubi e molte piogge soprattutto sull'Isola, dove già è iniziato a piovere la scorsa notte. Proprio per la Sicilia la Protezione civile ha emesso un avviso di allerta gialla (qui il bollettino). Le temperature massime, anche su queste Regioni, saranno ovunque inferiori alle medie del periodo e comprese fra gli 11 gradi di Potenza e i 17 di Napoli e Palermo.

Cosa ci aspetta nei prossimi giorni?

Per tutto il fine settimana le condizioni non cambieranno granché: ancora freddo al Nord con un'altra "sbuffata" gelida grazie a venti di Tramontana e temperature che si manterranno al di sotto delle medie, migliore al Sud ma con la Sicilia che vedrà molti giorni di pioggia. Le proiezioni per la settimana prossima, invece, indicano un miglioramento meteo con temperature in ripresa, cieli in gran parte sereni ma con instabilità pomeridiana in agguato tipica del periodo primaverile: ciò significa che si formeranno acquazzoni e temporali sparsi sulle zone interne e montuose.

QUI TUTTE LE PREVISIONI

Commenti