Meteo, torna il caldo gradevole dell'anticiclone delle Azzorre

La settimana è iniziata con temperature gradevoli grazie all'arrivo dell'anticiclone delle Azzorre. Da metà settimana, però, soprattutto nelle aree nord orientali, qualche temporale potrebbe portare instabilità. Al Sud ancora caldo

Dopo i temporali che hanno interessato varie parti del Paese, durante lo scorso fine settimana, è previsto un miglioramento del tempo su molte regioni. Secondo quanto riportato da Repubblica, il periodo appena iniziato, in questi giorni, sarà caratterizzato da un ritorno dell'alta pressione delle Azzorre, che garantirà una certa stabilità atmosferica, con temperature intorno ai 30-33°C, ma questa volta senza afa. E anche domani, lo scenario meteorologico non cambierà, con temperature senza grandi variazioni e alcuni focolai temporaleschi lungo i rilievi alpini nord orientali.

Temporali al Nord

Ma a partire da mercoledì 31, i temporali potrebbero essere più frequenti su alcuni settori, a causa di un calo della pressione sulle regioni settentrionali che potrebbe favorire l'ingresso di correnti fresche e instabili, con la possibilità di fenomeni temporaleschi sparsi prima sull'arco alpino e prealpino e in estensione, poi, anche alle pianure di Piemonte, Lombardia e Triveneto. Nei primi giorni di agosto, i meteoroloi non escludon un abbassamento del flusso atlantico da Nord-Ovest che potrebbe favorire giornate instabili e caratterizzate da fenomeni temporaleschi su Alpi, Prealpi, regioni settentrionali e parte di quelle centrali (in particolare nei settori interni).

Bel tempo al Sud

Nelle aree meridionali, invece, il sole e il bel tempo resisteranno per tutta la settimana, con valori termici in aumento costante. L'anticiclone africano farà aumentare, infatti, le temperature con punte di 35-36°C in Sardegna, Sicilia, Lazio e Puglia (in particolare nelle zone più interne). E, se al Sud, le temperature tra il 3 e il 9 agosto saranno sopra la norma, al Centro-Nord i valori rientreranno nella media.

Il caldo "sahariano" dopo il 10 agosto

Lo scenario, invece, potrebbe cambiare dopo il 10 agosto, quando si intravede la possibilità che dall'Africa arrivi un'intensa ondata di caldo di matrice sahariana, che potrebbe far salire le temperature ben oltre la norma, con picchi fino a 38-39°C in Sardegna, Sicilia, Toscana e Pianura padana, in generale. Al Sud, invece, in particolare sul versante Adriatico, potrebbero registrarsi infiltrazioni fresche provenienti dai Balcani, che innescheranno temporali accompagnati da una ventilazione più fresca. Anche settembre potrebbe iniziare con il caldo, ma calerà giorno dopo giorno fino al collasso stagionale, segnato dall'arrivo della "burrasca estiva".