Milano, diciottenne romena ustionata nella baracca in cui viveva

La donna ha riportato ustioni in varie parti del corpo. Illesi il marito e il cognato

Milano, diciottenne romena ustionata nella baracca in cui viveva

Viveva in una baracca in piazza Tirana, a Milano, la diciottenne romena che è rimasta gravemente ustionata a causa di un braciere che aveva acceso per riscaldarsi durante la notte.

L'abitazione improvvisata si trovava nei pressi della stazione ferroviaria Milano San Cristoforo e il fuoco si sarebbe sviluppato intorno all'una di notte. La ragazza viveva insieme al marito e al cognato, che nell'incidente sono rimasti illesi.

Trasportata immediatamente all'Ospedale Niguarda in codice rosso, la donna è stata ricoverata in terapia intensiva per gravi ustioni al viso, a una mano e a un piede e oggi sarà trasferita al centro ustioni.

I Carabinieri guidati da Canio Giuseppe La Gala e il prefetto di Milano Alessandro Marangoni hanno confermato il fatto che si è trattato semplicemente di un incidente domestico. La ragazza è stata comunque interrogata dai carabinieri e ha escluso di essere stata vittima di violenze domestiche.

Commenti